ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Marino duro su Verdi: «Ha preferito l'anonimato di Bologna allo scudetto»

Marino duro su Verdi: «Ha preferito l'anonimato di Bologna allo scudetto»

Il giorno della firma si è trasformato nel giorno del grande rifiuto al Napoli di Simone Verdi. Una scelta che ha spiazzato l’ambiente napoletano, e anche l’ex dirigente azzurro Pierpaolo Marino è stato stupito dalla notizia. «Il rifiuto di Verdi è difficilmente comprensibile – commenta Marino - soprattutto alla luce del fatto che sembra avere delle remore non sul Napoli, ma in merito alla sua valutazione tecnica. È una decisione che sorprende perché l’ha chiesto Sarri, uno che lo conosce visti i trascorsi di Empoli». E continua affondando il colpo: «Un rifiuto ci poteva stare se l’avesse chiesto un allenatore che non lo conosceva, premesso comunque che un giocatore deve avere a priori una certa autostima. Ricordiamo che stiamo parlando della prima in classifica, ha rifiutato la capolista: una cosa è giocare per una classifica anonima, con tutto il rispetto per il Bologna, e una cosa è invece lottare per lo scudetto».

Insomma davvero incomprensibile per l’ex dirigente azzurro questa decisione. La paura è che non sia tutta farina del suo sacco: «A prescindere da tutto, qualsiasi tipo di decisione va rispettata, ma mi auguro che non sia una scelta di mercato pilotata: magari c’è qualche altra squadra dietro che lo prenderà in estate, sarebbe brutto se l’operazione fosse stata condizionata da un altro club che lo prenderà in futuro».

Secondo Marino, ora la situazione con il club azzurro si complica e sarebbe difficile riallacciare i rapporti la prossima estate: «Se fossi il Napoli, non lo prenderei più, chiuderei definitivamente la porta perché parliamo di un matrimonio che comincia male, c’è il rischio di perdere tempo. Il contesto non sarebbe positivo, i napoletani non la prenderanno bene. Poi nel calcio non si sa mai, ma mi pare difficile». Ma precisa, intervistato da Itasportpress: «Questo di Verdi al Napoli non si aggiunge ai rifiuti del passato di altri calciatori, è un caso a sé anche perché la motivazione mi sembra singolare».

Su Deulofeu invece è un po’scettico: «Lo conosciamo per il suo passato al Milan, con Sarri può far bene, ma io avrei preferito Verdi anche perché mi ricorda il primo Mertens del Napoli. Lo spagnolo è chiaramente un ripiego, anche se di valore. Parliamo di un altro tipo di trattativa rispetto a quella di Verdi: un conto è venire al Napoli dal Bologna e un conto è lasciare il Barcellona per il Napoli. In ogni caso, il Napoli non si fermerà di fronte al rifiuto di Verdi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






MotoGP, Marquez trionfa a Misano Adriatico
Video

MotoGP, Marquez trionfa a Misano Adriatico

  • Serie A, Inter sola in testa alla classifica

    Serie A, Inter sola in testa alla classifica

  • Napoli-Sampdoria 2-0, le voci dei tifosi all'uscita dallo stadio

    Napoli-Sampdoria 2-0, le voci dei tifosi...

  • Napoli-Sampdoria, l'attesa dei tifosi davanti al nuovo stadio San Paolo

    Napoli-Sampdoria, l'attesa dei tifosi...

  • Freediving apnea: Molchanov eguaglia il suo record, scende a 130 metri

    Freediving apnea: Molchanov eguaglia il suo...

  • L'Aru consegna i nuovi spogliatoi, il siparietto tra De Luca e De Laurentiis allo stadio San Paolo

    L'Aru consegna i nuovi spogliatoi, il...

  • Volley, esordio ok per Italia agli Europei: 3-0 al Portogallo

    Volley, esordio ok per Italia agli Europei:...

  • “Diego Maradona”, la clip in anteprima del docufilm di Asif Kapadia

    “Diego Maradona”, la clip in...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT