ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Milik e l’indimenticabile doppietta
«Una notte per sempre nel cuore»

Milik e l’indimenticabile doppietta
«Una notte per sempre nel cuore»

Il bigliettino da visita è di quelli che fanno decisamente ben sperare. La prima al San Paolo rappresenta un po’ per tutti uno spauracchio da superare, in fretta. L’atmosfera di Fuorigrotta ha fatto tremare la gambe e Yaya Toure, non esattamente un bimbo di latte, figuriamoci gli effetti collaterali che poteva avere su un ragazzino di 22 anni che alla giovane età aggiunge anche il peso ingombrante del fantasma di Higuain da sfatare. Probabilmente sarà stato anche per questa ragione che la serata di Napoli-Milan resterà indimenticabile per Arek Milik. «Questa partita sarà nella mia memoria per sempre. Sono felice dopo vittoria, ma lo so che posso fare di meglio», ha commentato sui propri profili social l’attaccante polacco all’indomani della sua prima partita al San Paolo. Una gara che è coincisa con la sua prima doppietta in maglia azzurra. Eccolo qui il suo bigliettino da visita da presentare brevi manu ai tifosi napoletani, ancora scettici del suo acquisto ed affamati di gol, successi e rivincite dopo l’estate torrida del passaggio di Higuain alla Juventus.

Proprio mentre il malcontento generale serpeggiava sulle tribune - a sorpresa quasi gremite - del San Paolo è arrivata la prima zampata di Arek: un gol di rapina arrivato sugli sviluppi di un’azione magistralmente ispirata e confezionata da Dries Mertens. Ecco, con il folletto begla sembra proprio che Milik si intenda a meraviglia. I due si sono cercati e trovati con una facilità a tratti disarmante, come se invece di essersi conosciuti un mesetto fa all’ombra delle montagne della Val di Sole, fossero stati compagni di merende fin dai tempi del liceo. Geograficamente sarebbe stato difficile, certo, perché Belgio e Polonia non sono propriamente ad un tiro di schioppo, ma è chiaro che quando a dover dialogare sono i piedi, è più facile che a certi livelli la lingua sia comune e ricca di preziosimi tali da renderla meravigliosamente aulica.

Sono già una premiata ditta Milik e Mertens, come dimostra anche l’ultima foto pubblicata dall’attaccante polacco sul suo profilo Twitter nella giornata di ieri: M&Merten’s con le faccine dei due giocatori del Napoli al posto dei volti delle due praline al cioccolato che piacciono tanto a grandi e piccini. Da leccarsi i baffi, d’altra parte, lo sono anche loro due: Dires e Arek, una coppia offensiva che riempie gli occhi, il cuore e stuzzica l’appetito. Perché adesso la curiosità di rivederli ancora all’opera, insieme, inizia ad essere già tanta.

Nel frattempo Milik si gode la giornata da eroe e si prende, con merito, le prime pagine e le luci della ribalta. Arrivato in sordina e già protagonista, dopo appena una partita da titolare, coccolato dal calore del San Paolo che a momenti è stato anche più asfissiante di quello di una notte di fine agosto quasi da bollino rosso per le temperature.
Eroe perché a certificare la sua presenza al centro dell’attacco azzurro è arrivato anche il secondo gol, quello di testa con uno stacco imperioso sul calcio d’angolo battuto da Callejon. Due gol per il doppio nove, ovvero quello che ha scelto di portare dietro la schiena in azzurro. Non ha preso il 9 che fu di Higuain, ma ha raddoppiato: 99. Che possa essere stato un avvertimento più o meno velato ai tifosi del Napoli, ma anche agli avversari. «Occhio eh, non sono il Pipita: sono il doppio!». Se così fosse ben venga, ci impiegherà pochissimo a superare Higuain anche in termini di popolarità. I tifosi azzurri aspettano e sperano: ma dopo la serata di sabato, la doppietta di Arek ed il suo bigliettino da visita, di sicuro lo fanno con un peso in meno sullo stomaco ed un pizzico di fiducia in più.


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Michel Platini fermato in Francia per corruzione: la carriera in 90 secondi
Video

Michel Platini fermato in Francia per corruzione: la carriera in 90 secondi

  • Toronto, spari tra la folla durante la parata dei Raptors

    Toronto, spari tra la folla durante la...

  • Totti - Spalletti: il gesto dell'ex allenatore della Roma prima delle dimissioni di Francesco

    Totti - Spalletti: il gesto dell'ex...

  • Totti lascia la Roma: «Oggi per me è come morire»

    Totti lascia la Roma: «Oggi per me...

  • Lo show di Totti in conferenza stampa, tra battute e ironia

    Lo show di Totti in conferenza stampa, tra...

  • Totti: «Lascio la Roma, ma non per colpa mia»

    Totti: «Lascio la Roma, ma non per...

  • Europeo Under21, l'Italia vince 3-1 con la Spagna

    Europeo Under21, l'Italia vince 3-1 con...

  • Sarri nuovo allenatore della Juve: cosa ne pensano i tifosi bianconeri?

    Sarri nuovo allenatore della Juve: cosa ne...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
lupo dei neri
2016-08-31 10:08:28
E' solo l'inizio. Questo Polacco farà dimenticare l'innominato! Ma c'è un altro asso che sovrasta tutti coloro che sembravano destinati a soppiantarlo: Manolo. Sarri fai il bravo , è tempo di riconciliazione ed il Napoli metterà il turbo ! Non c'è Icardi che tenga !
lois2
2016-08-29 11:46:19
Milik meglio di higuain

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT