ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, Ancelotti rischiatutto:
con l'Arsenal tridente e difesa a tre

Ancelotti rischiatutto per l'impresa:
con l'Arsenal tridente e difesa a tre

La tentazione c'è, un'ipotesi che prende corpo dopo l'esperimento contro il Chievo Verona. Ancelotti fa le prove di tridente contro l'Arsenal, un attacco con Mertens, Milik e Insigne, tutti e tre insieme dal primo minuto. Una possibilità concreta, l'altra prevede invece Zielinski largo a sinistra e un tandem composto da Milik e uno tra Insigne e Mertens. Quello che muterà comunque è il modo di attaccare con il Napoli che in fase offensiva diventerà un 3-4-3 come al Bentegodi.

L'idea di Ancelotti è la duttilità per non dare punti di riferimento alla difesa dell'Arsenal. Tre giocatori offensivi che possano muoversi in continuazione e nello steso tempo dare un contributo forte in fase difensiva bloccando sul nascere il palleggio dei Gunners. Milik giocherà titolare giovedì sera al San Paolo, dopo essere partito in panchina all'Emirates: troppo importante la sua presenza per provare a ribaltare la sconfitta di 2-0 all'andata. Mertens e Insigne gli gireranno intorno cercando spazio sugli esterni e accentrandosi per dialogare nello stretto con il centravanti polacco. Nello stesso tempo aggrediranno subito i difensori dell'Arsenal cercando di non fare arrivare palle pulite a Ramsey, il regista della formazione di Emery, quello che cuce il gioco di tutta la squadra. Un lavoro fondamentale nella doppia fase dei tre attaccanti per assicurare equilibrio e compattezza alla squadra. A centrocampo Allan e uno tra Fabian Ruiz e Zielinski.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Napoli, Manolas: «Via dalla Roma per motivi personali»
Video

Napoli, Manolas: «Via dalla Roma per motivi personali»

  • Napoli, sorpresa Ancelotti: vince la gara di palleggi

    Napoli, sorpresa Ancelotti: vince la gara di...

  • Napoli, De Laurentiis infiamma il mercato: «Voglio un bomber da 30 gol»

    Napoli, De Laurentiis infiamma il mercato:...

  • Napoli, Di Lorenzo e Callejon in piazza con i tifosi prima dell'allenamento

    Napoli, Di Lorenzo e Callejon in piazza con...

  • Ramsey, prime parole in italiano: «Juve una delle squadre più grandi»

    Ramsey, prime parole in italiano:...

  • Napoli, decimo giorno di ritiro a Dimaro

    Napoli, decimo giorno di ritiro a Dimaro

  • Calcio, Napoli: l'arrivo a Dimaro di Insigne e Manolas

    Calcio, Napoli: l'arrivo a Dimaro di...

  • Algeria in finale di Coppa d'Africa: tensione e scontri a Parigi

    Algeria in finale di Coppa d'Africa:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
Robin Hood
2019-04-16 17:18:36
Rafforzare difesa e potenziare le ali per convergere velocissimi verso la porta avversaria. Il verticale si é visto chiuso a Londra, sono forti nel centrale. Insigne rallenta l'attacco e consente alle difese di chiudersi. L'Arsenal attaccherà subito in volata per chiudere immediatamente la rimonta ed é proprio li che il Napoli li deve affondare. Cercare di segnare subito nel primo tempo é molto importante e psicologicamente favorevole per il Napoli. Solo così può far stancare gli avversari fisicamente e cercare il colpo finale.
antonpet
2019-04-16 11:33:32
Non sono Ancelotti è non ho la sua conoscenza ma trovò profondamente sbagliato(ammesso che questo sia il suo pensiero e non quello che pensa la stampa) giocare con Insigne Mertens e Milik. Il terzo in fase di attacco lo può fare bene anche Callejon! Con Insigne si rallenterebbe solo la manovra visti i suoi inutili passaggi all’indietro e mancherebbe fisicità contro una squadra come l’Arsenal. Il centrocampo a due si può fare con squadre come il Chievo non contro squadroni perché il Napoli non ha gente adatta a giocare a due. Ci provò Benitez e tutti ricorderanno le palpitazioni ad ogni azione offensiva di una squadra avversaria perché il centrocampo non proteggeva a dovere! In questo momento di poca brillantezza atletica è meglio avere un uomo in più nella zona cruciale del campo per non lasciare agli altri l’iniziativa! Non sta scritto da nessuna parte che per aumentare il potenziale offensivo debba schierare 3 o 4 punte perché quello che conta è produrre gioco a centrocampo per alimentare le azioni d’attacco.Se il Napoli scenderà in campo con Insigne, Milik e Mertens solo un miracolo di San Gennaro lo potrà salvare ,ma non mi risulta che giovedì sera sarà San Gennaro!
Zugarra
2019-04-16 11:07:33
Ancora esperimenti? in una gara decisiva per giunta.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT