ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

ADL annuncia il rinnovo di Giuntoli:
Juve? Non m'indebito, Insigne resta
Stadio, sono stanco dei populisti

ADL annuncia il rinnovo di Giuntoli
«Juve? Non m'indebito, Insigne resta
Stadio, sono stanco dei populisti»

Inviato a Salisburgo

«Ancelotti sa bene che Napoli è casa sua, i nostri pensieri coincidono e quando vorrà prolungare il suo contratto non ci sarà alcun problema. Gap con la Juventus? Io non mi posso indebitare per avvicinare loro, sono un virtuoso del calcio.

In Italia molti non hanno ancora capito come stanno le cose. Solo Veltroni aveva visto lontano, grazie a lui siamo diventati SPA con fini lucrativi. Noi lavoriamo per i tifosi e per fargli piacere, ma le squadre non sono dei tifosi. La vecchia mentalità deve essere arginata. 

Ieri sono scappato dalle Universiadi: il Commissario è una persona di grande livello, ma le altre persone al tavolo fanno solo i populisti, messi lì per prendere in giro gli ignoranti. In casa mia sono l’unico proprietario, non c’è un CDA e sento solo il mio staff per prendere decisioni. Negli altri Paesi non funziona così, l’Europa non è unita nemmeno calcisticamente. Speriamo che Agnelli all’ECA si faccia valere, bisognerebbe fare una Super Lega con le squadre migliori e lasciare la Serie A. Il Napoli non deve fare lotte con Lotito per avere voce in capitolo.

Cosa può fare la politica per noi? Io non credo che debba fare qualcosa per il calcio ma per il Paese. Ci sono stati tanti di loro che hanno sbagliato tutto, se Salvini avrà la maggioranza ci si parlerà e si dovranno risolvere i problemi dell’Italia e del calcio italiano.

Domani sarà gara complicata, avremo due centrali difensivi nuovi ma che sono bravissimi. Speriamo non entrino con timidezza in campo. Ma abbiamo una squadra forte, si giocherà tutta sui cambi degli ultimi minuti. Supercoppa europea contro la Juve? Magari, me la regalarei e vorrei regalarla ai tifosi. Ieri hanno fatto una grande partita».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Ramsey, prime parole in italiano: «Juve una delle squadre più grandi»
Video

Ramsey, prime parole in italiano: «Juve una delle squadre più grandi»

  • Napoli, decimo giorno di ritiro a Dimaro

    Napoli, decimo giorno di ritiro a Dimaro

  • Calcio, Napoli: l'arrivo a Dimaro di Insigne e Manolas

    Calcio, Napoli: l'arrivo a Dimaro di...

  • Algeria in finale di Coppa d'Africa: tensione e scontri a Parigi

    Algeria in finale di Coppa d'Africa:...

  • Universiadi, Settebello d'oro: i protagonisti

    Universiadi, Settebello d'oro: i protagonisti

  • Universiadi, Settebello d'oro: delirio alla Scandone

    Universiadi, Settebello d'oro: delirio alla...

  • Ecco Insigne e Manolas: il punto di Roberto Ventre da Dimaro

    Ecco Insigne e Manolas: il punto di Roberto...

  • Universiadi, argento per il Setterosa

    Universiadi, argento per il Setterosa

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
felipe
2019-03-13 19:43:30
A mio parere De Laurentis fa bene ad affermare che non intende svenarsi per rincorrere lo strapotere della Juve. Le aspettative in tal senso sia della stampa che dei tifosi sono legittime ma mal disposte: il proprietario del Napoli è cosa diversa da una ricca Azienda multinazionale: a ciascuno il suo passo! Tuttavia, pur concordando ed apprezzando la sua ottima gestione manageriale non posso non rilevare che la politica societaria dello stesso Presidente risulti nel complesso contraddittoria e incomprensibile. Infatti, dopo oltre 10 anni, la Società ancora non possiede una Sede e uno Stadio proprietario, e non ha mai creato un suo Centro Sportivo, un settore giovanile o un merchandising a livello delle sue (teoriche) ambizioni. Il S.C. Napoli non ha tuttora radici sul territorio ma ha in essere solo contratti in affitto. In sintesi, è una Società liquida, dissolvibile e senza legami che, volendo, protrebbe spostarsi dall'oggi a domani in altra città e altro Paese. E non se ne comprende ancora la vera ratio.....
Bluma
2019-03-13 20:24:26
Comprendo e sono daccordo con la sua disamina.Bisogna anche precisare un fatto,nessuno sano di mente,osa chiedere.e non lo ha mai fatto,a dela,di svenarsi per migliorare i risultati sportivi.Ma,che senso ha sapere che in cassa ci sono ben centodiciottomilioni di euro,e sentire ancora che senza vendite non si fanno acquisti,e quali acquisti? La sua è una gestione tesa ad ottenere un solo profitto,il suo.In queste condizioni è normale che il S.Paolo risulti vuoto.L'assurdo è che si lamenta di questo.
Bluma
2019-03-13 18:12:43
Ancelotti sa bene che Napoli è casa sua,quando vorrà prolungare...stesse parole dette per Sarri,Benitez.Mazzarri.Stanno ancora scappando. In Italia molti non hanno ancora capito...noi lavoriamo per far piacere ai tifosi,ma le squadre non sono dei tifosi.Ecco,questa mentalità da padrone delle ferriere,deve essere cambiata.Come fa ad essere sua la squadra,senza il contributo economico di noi tifosi? Non abbiamo ancora capito che le società sono diventate delle spa con scopo di lucro,ma qualcuno deve ricordargli che lo spettacolo che lui ci propone,deve piacere a noi non a lui.E,solo se ci piacerà riempiremo lo stadio e acquisteremo gadget societari.Se è una spa,è lo è.deve cercare di migliorare le sue entrate per essere sempre più competitivo e reggere la concorrenza,cosi funziona nelle serie società con fini di lucro.La sua gestione,padronale,è attiva perchè gestisce come una piccola squadra,al Napoli non va bene,perchè rispetto alle piccole lui incassa diritti TV grazie a ferlaino,non a lui,quindi con il fatturato esistente,migliorabile sarebbe in grado di reggere,Per piacere,questo è da ricoverare
stancoleo
2019-03-13 17:51:44
ma perciò la Juve ha tanti tifosi ,perchè investono, vincono hanno un bel gioco.Ronaldo lo poteva benissimo comprare il Napoli invece no troppi soldi,mi dispiace di essere napoletano e la aquadra è nel cuore ma sono molto deluso dalla attuale socieà,non vinceremo mai nulla con questi personaggi.
Modoc
2019-03-13 17:40:17
E si, una grande partita, fatta di attributi, grinta e voglia, uguale a quella del,napoli con il,Sassuolo. Dicevamo che era colpa di Benitez, che la squadra non ha gli attributi, poi di Sarri, che non avendo mai allenato una grande squadra e non avendo giocato, non sapeva trasmettere gli stimoli giusti, infatti le cronache dicono che lo scudetto l’anno scorso si è perso in albergo. Oggi, si è preso il meglio, ma anche lui a questi, non riesce a far capire cosa è la cazzimma.Ora è mai possibile che dopo un tre a zero stiamo tremando x questa partita? Continuiamo a farci del male!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT