ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, De Laurentiis festeggia così:
«Sono felice, non potevo rubare
Sarri? Il tempo è già scaduto»

DeLa: «Felice, non potevo rubare
Sarri? Il tempo è già scaduto»

Clima di grande festa ed euforia in casa Napoli. Gli azzurri chiudono il proprio campionato da secondi in classifica ma con il record di punti della storia del club ed una squadra osannata da tutto il San Paolo, pieno anche nell’ultimo match contro il Crotone. Il primo a fare i complimenti agli azzurri, però, non può che essere Aurelio De Laurentiis.

«Una vittoria che mette il sigillo a una bellissima stagione. Grazie a tutti, a Sarri, ai giocatori, a Giuntoli e ai nostri meravigliosi tifosi ovunque nel mondo», scrive il presidente azzurro, che poi condivide su Twitter le immagini dei festeggiamenti nello spogliatoio azzurro.

Fermatosi in conferenza stampa, poi, il numero uno azzurro ha salutato i giornalisti al termine della sua stagione. «Cercheremo di aggiungere il Tottenham tra le avversarie per il 7 agosto a Dublino, oltre il Liverpool. È stata una bella stagione. Se sono contento? Certo che lo sono, mica potevo andare a rubare...»

Poi, parlando del futuro di Sarri, De Laurentiis ha aggiunto. «Chiedete a lui se resta, mi ha sempre rimandato al suo agente Pellegrini che non mi ha mai dato una risposta definita. La data finale? Non c’è una data, il tempo è già scaduto. Abbiamo affrontato questo problema in ogni modo, dobbiamo andare avanti ora senza paure e senza incertezze».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Napoli, Ancelotti: «Non facciamo corse su nessuno, il sogno scudetto lo abbiamo tutti»
Video

Napoli, Ancelotti: «Non facciamo corse su nessuno, il sogno scudetto lo abbiamo tutti»

  • MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

    MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

  • Udinese-Napoli 3-0, il commento di Roberto Ventre

    Udinese-Napoli 3-0, il commento di Roberto...

  • Chelsea-United, rissa sfiorata tra Mourinho e Sarri

    Chelsea-United, rissa sfiorata tra Mourinho...

  • Napoli, senti i tifosi: «Torneremo da Udine coi tre punti»

    Napoli, senti i tifosi: «Torneremo da...

  • Insigne salta Udine, Ancelotti: «Cerchiamo di recuperarlo per il Psg»

    Insigne salta Udine, Ancelotti:...

  • Udinese-Napoli, il focus di Bruno Majorano

    Udinese-Napoli, il focus di Bruno Majorano

  • Udinese-Napoli, la vigilia dell'inviato Roberto Ventre

    Udinese-Napoli, la vigilia dell'inviato...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
partenopeo7
2018-05-22 12:59:11
ovviamente...ha ragione ..felipe ! sembra di capire che -come spiega bene IL Mattino- sarri aspetta che passi il 30-5 (dovrebbe scadere la clausola da 8 mil per accasarsi altrove...è così'? ) e ricevere quindi la proposta definitiva dallo zenit (che non contento di tutti i bidoni presi per tanti anni prima da spalletti poi da mancini..insiste con allenatori italiani !!)--quindi se sarri vuole andare ..che vada ! (adl rimarrebbe mezzo gabbato..ma gli sta bene...dopo le sconcezze inenarrabili che lui commette ..da d.s. !!!) che vada..perchè -è arcinoto- adl non spenderà per top-players (è inutile dirgli..caccia 'e sorde perchè quando ha speso 152 mil negli ultimi 2 anni lo ha fatto...spendendoli..-salvo forse i 32 mil per milik- male, malissimo ) !!
rebaldo
2018-05-22 19:39:17
Guarda che hai dimenticato che Sarri ha un contratto in essere di altri due anni col Napoli. Se vuole può svincolarsi solo attraverso la clausola. Dopo il 31 maggio è vincolato ancora col Napoli anche se non firma un prolungamento del contratto con aumento che pure Dela gli ha già proposto. Se non arriva lo Zenit o il Chelsea a pagare la clausola Dela non credo che lo esonera (vera pazzia!) o lo libera senza il pagamento degli 8 ml.
rebaldo
2018-05-22 12:36:48
Se De Laurentis dovesse esonerare Sarri credo che che farebbe un'altra delle tante fesserie di questa sua incoerente presidenza Purtroppo è legato da una clausola rescissoria che scade il 31 maggio .Se lo esonera prima che Sarri gli comunichi la decisione di andare all'estero (guadagnando sicuramente di più), libererà il tecnico gratis (anzi pagandogli una somma seppur minima) senza neanche incassare gli 8 ml.della clausola. Inoltre si farà ancor più nemica la tifoseria che ha dimostrato di essere tutta per la permanenza di Sarri. Non dimenticate, cari giornalisti e opinionisti, che Sarri in un'ultima intervista ha detto che la clausola rescissoria non l'ha chiesta lui ma l'ha messa Dela. Quindi, il presidente non può dire che è scaduto il termine per una decisione che Sarri non ha ancora preso, se il termine per l'efficacia della clausola, che solo lui presidente ha messo in contratto, è il 31 maggio. Chi è causa del suo mal pianga se stesso. [Ma perchè non si possono cacciare i presidenti???]
gigioppi
2018-05-22 14:36:34
E' vero che la clausola con scadenza del 31 maggio l'ha voluta il Presidente ma credo che sia altrettanto vero e giusto che se il tecnico avesse intenzione di avvalersene potrebbe -e dovrebbe - comunicarlo ora per permettere al Presidente di rivolgersi ad un altro allenatore col quale impostare da subito la campagna cessione ed acquisti prima che i prezzi, già elevati, subiscano ulteriori ed ingiustificati aumenti.
felipe
2018-05-21 14:37:15
Mi tocca sempre fare il bastian contrario. Ma proprio non capisco coloro che si affannano a denigrare il Proprietario del Calcio Napoli. Caratterialmente mi è insopportabile, sia ben chiaro, ma non posso non riconoscere i suoi meriti e, soprattutto, i suoi diritti. Da Proprietario può essere anche criticato dall'esterno, ma non ostacolato continuamente da un dipendente. In questa ennesima diatriba con Sarri a me pare che abbia tutte le ragioni di questo mondo. E lo difendo! E' Sarri che si sta comportando da vero ingrato e da pessimo professionista. E sta menando il Presidente per il naso. Sarri, fino a prova contraria, è sotto contratto con il Napoli: lo avete dimenticato? In due anni ha voluto ridiscutere il contratto due volte! E questa sarebbe la terza volta. Vuole più denaro di quello che gli offre il Napoli? Lo dica apertamente, senza ipocrisia! Non può parlare come se fosse fuori dalla Società. I tifosi lo amano? Ma il Presidente non può gestire una Società seguendo gli umori dei tifosi che, in realtà, seguono le discutibili indicazioni indotte dal martellamento della Stampa....Il calcio moderno è principalmente business, e poi spettacolo! E' bene ricordarselo. E TUTTI, indistintamente, lavorano e si affannano per la gloria personale e per il vil denaro! Anche se si riempiono giornalmente, ed ipocritamente, la bocca, allenatori di calcio come i Politici, di parole vuote come passione, popolo, attaccamento ai valori, alla bandiera ecc. ecc.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT