ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, diktat Sarri alla squadra:
«Gioca la Juve: spegnete la tv»

Napoli, diktat Sarri alla squadra:
«Gioca la Juve: spegnete la tv»

Dalla paura di ritrovarsi stasera a -4 dalla capolista all’allegra possibilità di ricevere oggi un gradito regalo dell’Atalanta. C’è il sole a Castel Volturno, ma per Sarri è inverno pieno, freddo, buio. L’uomo è offeso, ha l’aria di quello che fa fatica a comprendere quello che ha dovuto leggere nelle ultime ore. «Io sessista? Ma è uno scherzo?», ripete ai fedelissimi dello staff. Non ha gradito, è chiaro, quello che è successo: non è Alice nel Paese delle Meraviglie ma non cade nella tentazione di sentirsi vittima della sindrome di accerchiamento. Non crede che il mondo ce l’abbia con lui, ma è chiaro che non gli perdonano nulla. Neppure quella che lui considera solo una battuta. «Il clima è questo», borbotta Sarri. «Tanto vengo criticato per tutto ciò che faccio, anche quando scherzo», lo sfogo seccato del tecnico che col suo gioco ha rivoluzionato il calcio italiano. Ed è forse questo che nessuno manda giù. Qualcuno la butta sull’ironia: «Fai una cosa, prossima volta rispondi con un sì, un no o non lo so...». 

Alla ripresa degli allenamenti, dopo il giorno di riposo post-Inter, Sarri raduna la squadra attorno a sé. Gli argomenti extra-campo restano fuori dalla riunione tecnica. Stavolta, rispetto alla settimana scorsa, parla solo lui: nessun dibattito, nessuna esigenza di dover far intervenire i big dello spogliatoio. Ieri Albiol, Callejon e gli altri sono stati zitti, al contrario di quello che è successo dopo la Roma. Solo l’allenatore ha preso la parola. Per pochi minuti: lui è sempre lì a martellare a più non posso, i suoi discorsi a cuore aperto fanno spesso leva sull’orgoglio, sulla fierezza, sullo spirito di squadra, sul sentirsi protagonisti di un grande sogno. Ieri, però, ha cambiato registro: il sorpasso bianconero è una novità e allora Sarri ha fatto leva su altro. «Non dobbiamo neppure vedere cosa fa la Juve oggi,spegnete la tv, tanto vince... Pensiamo a vincerle noi tutte e dieci, pensiamo ai 70 punti conquistati fino ad adesso, allo scontro diretto che ci attende tra poco più di un mese che è la grande opportunità per capovolgere tutto», la sintesi dei suoi dieci minuti - né più né meno - di colloquio con il gruppo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Torino-Napoli, Cairo: «Partita nata male, dobbiamo resettare»
Video

Torino-Napoli, Cairo: «Partita nata male, dobbiamo resettare»

  • Mazzarri: «Napoli fortissimo ma noi sembravamo i fratelli di quelli visti a Udine»

    Mazzarri: «Napoli fortissimo ma noi...

  • Triathlon, Zanardi: «Sono l'ironman disabile più veloce al mondo»

    Triathlon, Zanardi: «Sono...

  • Ancelotti: «Noi anti-Juve? Ci interessa fare il nostro cammino»

    Ancelotti: «Noi anti-Juve? Ci...

  • Torino-Napoli, la lunga attesa dei tifosi

    Torino-Napoli, la lunga attesa dei tifosi

  • Juve, Allegri difende Ronaldo: «Non deve dimostrare nulla»

    Juve, Allegri difende Ronaldo: «Non...

  • Italvolley, Blengini: «Noi umili e maturi, la Russia sarà arrabbiata»

    Italvolley, Blengini: «Noi umili e...

  • Lotito, selfie con un tifoso della Roma: poi l'insulto

    Lotito, selfie con un tifoso della Roma: poi...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT