ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Il Napoli torna all'antico:
Ancelotti rilancia Callejon a destra

Il Napoli torna all'antico:
Ancelotti rilancia Callejon a destra

Torna Callejon, titolare con la Fiorentina dopo la panchina con la Sampdoria, un'assenza che si è avvertita moltissimo soprattutto in termini di equilibrio. Sulla fascia Verdi non è riuscito ad assicurare la stessa copertura e il Napoli in fase difensiva ha sofferto tanto e non solo per le tre reti subite. Cambiano gli allenatori ma la sua presenza in campo resta indispensabile ed è così anche con Ancelotti, il suo terzo tecnico a Napoli dopo Benitez e Sarri che lo ritenevano insostituibile.

Lo spagnolo riprende la striscia da record interrotta al Ferraris, 259 presenze come Maradona, con i viola staccherà Diego: Josè al sesto anno in azzurro ha saltato solo quattro partite tra campionato e coppe (Sassuolo e Genoa per squalifica, Villareal in Europa League e contro la Samp per scelta tecnica): una vera e propria macchina, tra gli stakanovisti d'Europa.

C'era anche lui in campo nel pomeriggio maledetto del Franchi, il 29 aprile scorso: affondò insieme agli azzurri contro una Fiorentina scatenata. Una partita che segnò la stagione, il Napoli quel giorno diede addio ai sogni scudetto. Callejon avrà un motivo in più domani sera per fare bene e provare a segnare il suo primo gol stagionale in campionato: con la Fiorentina fece centro nel 2-1 degli azzurri al Franchi, e nel 3-0 a Fuorigrotta, due precedenti con Benitez in panchina, e fu decisivo per il passaggio ai quarti di finale di coppa Italia (1-0 al San Paolo). Tre reti in tredici partite, 74 in totale con la maglia azzurra: uno score che vuole migliorare per entrare sempre più nella storia del Napoli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia
Video

MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia

  • I Dorados di Maradona ai playoff, la festa negli spogliatoi

    I Dorados di Maradona ai playoff, la festa...

  • Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia: «Siamo sulla strada giusta»

    Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia:...

  • MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

    MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

  • Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho incontrato troppo tardi»

    Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho...

  • Insigne: «Col Portogallo non è impossibile, la nazionale deve fare risultato»

    Insigne: «Col Portogallo non è...

  • «Momento difficile», la moglie Corinna rompe il silenzio e svela dettagli sulla salute di Schumacher

    «Momento difficile», la moglie...

  • Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo spunta un dettaglio intimo anche su CR7

    Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
PATRIZIO68
2018-09-14 14:31:32
napoli fiorentina 4 -2 insigne insigne callejon chiesa zieliscki chiesa
antonpet
2018-09-14 11:28:25
Per 15 giorni se ne sono lette di tutti i colori sullo schieramento del Napoli contro la Fiorentina. La Rai, i giornali sportivi e non, le tv tutti davano per scontato che il Napoli si sarebbe schierato con il 4-2-3-1 dimostrando una carenza di conoscenza del calcio disarmante! Abbiamo già visto con Benitez gli sfaceli di questo modulo perché non abbiamo gli uomini giusti per attuarlo. Il Napoli è stato costruito in questi ultimi tre anni per il 4-3-3 e anche la campagna acquisti appena finita è stata fatta per rinforzare questo modulo di gioco.Che poi in qualche partita ,dove le cose si mettono male, Ancelotti possa schierare una formazione più sbilanciata questo è un altro discorso! La Juve l’anno scorso ha provato a giocare con il 4-2-3-1 ma l’ha dovuto lasciare perché prendeva troppi goal. Pianic e Kedira non avevano la corsa e la dinamicità per supportare questo sistema ed è stato sacrificato Dybala! L’unico sistema alternativo per il Napoli ,secondo il mio giudizio, sarebbe il classico 4-4-2 per garantire una supremazia a centrocampo che a volte potrebbe servire (vedi Sampdoria).
felipe
2018-09-14 11:06:40
Finalmente si parla di calcio! Il fermo del Campionato ha contribuito non poco all'enfasi delle polemiche di questi giorni. Rimane sul tappeto il caro-prezzi dei biglietti alla stadio, che il Presidente dovrà opportunamente e "politicamente" riconsiderare. Sulla formazione approvo il ritorno di Callejon, ma auspicherei un ritorno anche di Mertens a tempo pieno e l'uscita di Milik: il (quasi) Napoli dello scorso campionato. Non avendo bisogno di rodaggio come molte altre squadre, il Napoli in questi primi mesi aveva ( ed ha tuttora) una grande opportunità: quella di poter partire con delle certezze e con giocatori che si conoscono a memoria. Invece Ancelotti - sbagliando - ha iniziato con diverse incertezze, sottovalutando peraltro l'apporto dell'assente Jorginho, e la squadra si è disunita. I cambiamenti, a mio parere, potranno essere inseriti più avanti, con naturalezza e senza forzatura, quando la squadra avrà ripreso fiducia attraverso i risultati. L'abilità del Tecnico deve essere quella di trovare la quadra a centrocampo: il "tourbillon" delle entrate e uscite non aiuta!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT