ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli-Juve è Sarri contro Allegri:
se lo scudetto è giocato a parole

Napoli-Juve è Sarri contro Allegri:
se lo scudetto è giocato a parole

Arrendiamoci: sono come due rette parallele, non si incontreranno mai. Impossibile, troppo diversi. Come la ragione e il sentimento. Da dove abbia origine questo rancore, non si sa. Forse dal primo Sarri contro Allegri che si giocò, in provincia di Arezzo, il 16 novembre 2003 tra Sangiovannese e Aglianese. In fondo i due non si amano, ed è chiaro. Forse perché per certi versi sono identici: perfezionisti, studiosi, egocentrici, feroci. 66 punti conquistati dal napoletano, 65 punti dallo juventino. 

Se si detestino come Mourinho e Conte o Mou e Guardiola, non è dato a sapersi: certo, ad Allegri che il suo rivale abbia fatto il Grande Slam dei trofei personali (dal premio Bearzot alla Panchina d’Oro e pure il premio dell’Aic) non deve aver fatto molto piacere. Si sono iniziati a punzecchiare da tempo e non la smettono più. Ai due tutti si può imputare, tranne una cosa: non sono banali. «Alla fine quello che conta è il risultato finale, perché nell’albo d’oro verrà scritto chi ha vinto il campionato, non chi ha giocato bene o chi ha giocato male», le frasi cult del tecnico della Juventus. Sarri non la pensa così: «Per me è la bellezza che conta di più». Però ora il Napoli sa vincere anche 1-0.
Ecco, se uno dice bianco, l’altro puntuale dice nero. Se uno dice che gli piace il mare, l’altro esalta le vacanze sull’Himalaya. «Se vuole la contemporaneità delle partite, c’è la Lega Pro», ha detto Allegri nella sua performance domenicale. E l’altro mica ha parato il colpo. «Oh, lì ci sono tanti bravi allenatori, in primis il mio amico Baldini». Straordinari, non c’è che dire. «Non è colpa mia se loro sono usciti dalla coppe: se esci dalle coppe giochi dopo di noi», la teoria di Allegri. A cui Sarri replicò: «C’era una possibilità su tre miliardi di dover giocare nove volte su nove dopo...». Persino la Lega calcio è dovuta intervenire. Bacchettando Sarri. Napoli-Juventus vive anche su questo duello. Il classico italiano tutto veleni e scintille. 

«A Maurizio non sto più dietro. La sua è una strategia per creare confusione. Una volta ha il campo, un’altra il fatturato o la Champions... Io evito. Dico solo che allenarsi una volta alla settimana fa bene, ma è bello giocare ogni tre giorni». Colpa di una frase, peraltro non rivolta neppure a lui, che Sarri aveva detto a Udine e che aveva come destinatario l’Inter di Spalletti. «Mi sembra che sia un altro sport giocare ogni tre giorni e scendere in campo la domenica senza aver giocato le coppe». Quella volta, al Friuli (e prima a Ferrara), se la prese anche col campo «indegno» provocando il chiarimento di Udinese e Spal. 

Ogni volta che l’altro dice qualcosa, la reazione è scontata. Forse una tecnica: quella del parafulmine, che avvicina i duellanti. Mettersi a scudo della squadra provocando polemiche per spostare l’orizzonte, creando un cuscinetto per chi le partite deve giocarle davvero. Sono i più bravi di tutti, nessun dubbio. Uno fanatico della duttilità e dell’agonismo, l’altro una specie ayatollah con un dogma tattico esagerato. Grandi motivatori, sanno creare ambienti feroci e vedono nemici ovunque. «I numeri dicono che il Napoli è una grande squadra e sta facendo delle grandissime cose. Il merito al 99% è di Sarri», ha spiegato Allegri pochi giorni fa in segno di delicatezza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Lazio-Napoli, Ancelotti: «La reazione dopo il gol? Una cosa positiva»
Video

Lazio-Napoli, Ancelotti: «La reazione dopo il gol? Una cosa positiva»

  • Lazio-Napoli 1-2, il videocommento di Roberto Ventre

    Lazio-Napoli 1-2, il videocommento di...

  • Chievo-Juve, esodo bianconero per vedere Ronaldo

    Chievo-Juve, esodo bianconero per vedere...

  • Torna la Serie A, la lunga attesa dei tifosi del Napoli

    Torna la Serie A, la lunga attesa dei tifosi...

  • CR7, fenomeno in campo e... con il microfono

    CR7, fenomeno in campo e... con il microfono

  • Lazio-Napoli: gli azzurri arrivano a Roma

    Lazio-Napoli: gli azzurri arrivano a Roma

  • Torna la serie A, il Napoli in partenza per Roma

    Torna la serie A, il Napoli in partenza per...

  • Lazio-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre a Castel Volturno

    Lazio-Napoli, la vigilia di Roberto Ventre a...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
felipe
2018-02-20 15:21:41
Aggiungerei: Sarri piange da mesi per n.1 titolare infortunato Ghoulam); Allegri non si lamenta mai di TANTISSIMI titolari assenti per gravi infortuni. Questione di mentalità e di professionalità. Uno piange e si lamenta, e non ha mai giocato al calcio, mentre l'altro è sempre disponibile e sorridente, ed ha giocato al calcio professionistico. Vorrà pur dire qualcosa? Inoltre, mi pare strano che non si dica mai, Sarri in realtà NON VUOLE altri giocatori, buoni o ottimi che siano. Si lamenta eccome, ma NON LI VUOLE assolutamente, per un problema innanzitutto di spogliatoio, e poi per il motivo che NON potrebbe impiegarli se non dopo almeno sei mesi di addestramento, fra campo, lingua parlata ed altro quisquilie ancora. Patetico e visionario! Voglio vederlo lontano da Napoli....e da De Laurentis.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT