ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, Mertens, Hysaj e Mario Rui
programmate le prime partenze

Napoli, Mertens, Hysaj e Mario Rui
programmate le prime partenze

«Proveremo a fare meglio il prossimo anno». Carlo Ancelotti non può far altro che voltare pagina. A parte il ritorno in Champions, non ha vinto né Coppa Italia né Europa League che pure aveva fissato, lui, come obiettivi di questo suo primo anno napoletano. Peggio, ha toppato anche nelle prestazioni e nell'impatto agonistico sia il quarto di finale a San Siro con il Milan che i due match con l'Arsenal. Arrivando in condizioni atletiche non ottimali alla fase finale della stagione. Elementi che serviranno, a Carlo e ai suoi collaboratori, per pianificare meglio gli acquisti dell'estate.

Ricominciamo, vero, senza fare drammi. Il mercato dipende anche dalle cessioni, come sempre: De Laurentiis alzerà un vero muro solo per Koulibaly. Ha già detto no ai 105 milioni del Manchester United la scorsa estate e rispedirà al mittente ogni ulteriori assalto. È vero che adesso tocca a Carlo prendere le redini della situazione e dire quello che vuol salvare di questa squadra. Occhio, le critiche «le porta via il vento» ma è giusto che il Napoli nel pianificare la prossima stagione parta da ciò che hanno dato gli azzurri in questi dieci mesi.

Carlo ha poderosi alibi: una squadra costruita senza badare alle lacune in mediana dopo l'addio di Hamsik (che a gennaio non è stato sostituito da nessuno); l'infortunio di Albiol; i tributi al fisiologico rodaggio tattico. Tutto vero. Ma il Napoli è andato squagliandosi nel tempo invece che migliorare. Ed è un dato di fatto. I giocatori si adeguano sempre a ciò che è vincente: non tutti lo hanno fatto. Da qui le valutazioni: servono centimetri e struttura fisica.

Non aveva bisogno di essere eliminato dall'Arsenal per capire da chi ripartire, ha detto Ancelotti mostrando sicurezza. Dice pure che si incatenerà in caso di addio di Allan, Insigne o uno dei big. Siamo sicuri che non lo farà. Di Insigne si è già detto tanto, ma degli altri? A 32 anni Mertens e Callejon sembrano davvero aver dato tutto in questo Napoli. A Mertens, che ama Napoli in maniera viscerale, non piace il ruolo di seconda punta: a queste condizioni, anche lui è uno di quelli che potrebbe non rientrare nei piani tattici di Ancelotti. Non manca il sudore sulle maglie, manca la qualità di chi le riempie. Certo, in difesa impossibile non far quadrato intorno ad Albiol e Koulibaly. Ed al tempo stesso, vedi le scelte dell'altra sera, è evidente che né Hysaj né Mario Rui fanno parte del progetto futuro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Roma, Ranieri: «Mi auguro che ci sia l'atmosfera che De Rossi merita»
Video

Roma, Ranieri: «Mi auguro che ci sia l'atmosfera che De Rossi merita»

  • Napoli, messaggi d'auguri a De Laurentiis: «Ma adesso investiamo»

    Napoli, messaggi d'auguri a De...

  • «It's Sarri ball», una canzone dance per Maurizio Sarri

    «It's Sarri ball», una...

  • Universiadi, gli ambasciatori dello sport napoletano pronti per luglio

    Universiadi, gli ambasciatori dello sport...

  • Mondiale calcio 2022 sarà ancora a 32 squadre

    Mondiale calcio 2022 sarà ancora a 32...

  • «Triste perché De Rossi se ne è andato», il tema del bimbo diventa virale

    «Triste perché De Rossi se ne...

  • Europei U21, Di Biagio: «Abbiamo l'obbligo di provare a vincere»

    Europei U21, Di Biagio: «Abbiamo...

  • Premio Gentleman, Barzagli: «Il saluto dello Stadium? Un'emozione incredibile»

    Premio Gentleman, Barzagli: «Il saluto...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
marcoferro803
2019-04-20 22:02:48
sono tanti i giocatori che non sono all'altezza della champions e per lottare per lo scudetto. mario rui quest'anno è entrato in tutte le situazioni contro del napoli. dal gol del liverpool all'autorete col psg. lo stesso hysai questo giocatore non è più quello di sarri. anche maximovic onestamente non si capisce tutto quell'accanimento nel comprarlo è un giocatore normalissimo. ounas è ancora acerbo, lo stesso per diawara. il napoli necessita di giocatori fatti non di giovani di belle speranze per fare champions e lottare in campionato.
Robin Hood
2019-04-20 14:15:32
Come ogni anno si ripete la problematica.. Se non vinci con il sistema Sarri che chiedeva aiuti di nuovi calciatori non concessogli dalla Società e oggi ti ritrovi a gestire quel sistema con il nuovo Ancelottiano, non andrai na nessuna parte. Finché é sopravvissuto il gioco del Sarrismo si é andati avanti nonostante gli interventi di promozionali del nuovo allenatore. Ciò ha portato il previsto spaccamento della Squadra, non più del gioco di Sarri ne tantomento dell' innesto Ancelottiano e quindi volendo o nolendo bisogna cambiare, ma se si parte dai dilettanti allo sbaraglio o giovani da allevare, si avranno anni bui e magari non più competitivi come oggi, nonostante le problematiche riscontrate. Fuori i soldi o sei mediocre per anni a seguire.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT