ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, missione Europa League:
Chelsea e Arsenal le grandi rivali

Napoli, missione Europa League:
Chelsea e Arsenal le grandi rivali

L'Europa League nuovo obiettivo del Napoli. Ancelotti lo ha messo subito nel mirino, un attimo dopo il ko di Anfield con il Liverpool che ha fatto sfumare il sogno della qualificazione agli ottavi di Champions League. E stessa cosa ha fatto Hamsik, il capitano, lanciando subito la nuova sfida sul suo sito. «Ora in Europa League vogliamo arrivare il più lontano possibile».

Il Napoli si presenta come una delle favorite alla vittoria finale, tra le possibili candidate della finale il 29 maggio allo stadio Olimpico di Baku in Azerbaijan. La formazione azzurra retrocessa dalla Champions è una delle migliori quattro terze classificate avendo chiuso il raggruppamento con nove punti e sarà testa di serie nel sorteggio di lunedì a Nyon: avrà quindi il vantaggio nei sedicesimi di finale di pescare una formazione che farà parte dell'urna di seconda fascia. In più gli azzurri non potranno affrontare un'italiana e quindi eviteranno certamente Lazio, Inter e Milan (i rossoneri però devono ancora strappare ufficialmente il pass per la qualificazione). I nerazzurri di Spalletti, eliminati dalla Champions League come il Napoli, sono sulla carta tra gli avversari potenzialmente più temibili.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»
Video

Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»

  • Futsal, il super derby Napoli-Eboli

    Futsal, il super derby Napoli-Eboli

  • Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

    Italdonne, storico secondo posto nel Sei...

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

  • Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il chanbara

    Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
alfio2
2018-12-13 09:32:03
Se da un punto di vista finanziario ADL è ineccepibile, da un punto di vista sportivo, possiamo dire che è stato ingenuo. Dai dubbi di Mertens in campo all'impiego di Milik. Personalmente ritengo Milik un giocatore di gran classe e con grandi potenzialità, vorrei sempre averlo in squadra tutte le partite, ma non è un centravanti. Lui sta bene con Lewandoski, con Lukaku, con Icardi, e perchè no? con Mertens. Da solo non può tenere l'intero reparto. Per questo equivoco, da tre anni non abbiamo un centravanti vero. Mertens dimostra tutta la sua esplosività nei 30 metri, sui 60 è un altro discorso, perchè lì non c'è nessuno con cui dialogare. Detto questo l'europa league, si, va bene, ma l'obiettivo principale è il campionato. Anche perchè con Arsenal, Chelsea più altri squadroni avremo il nostro bel da fare fisico atletico, nervoso e ambientale. Considerando che giochiamo di giovedì, recuperare queste energie non sarà facilòe. E poi non dimentichiamo che la finale vale un quarto di champion. Siamo sicuri di arrivarci e portarla a casa?

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT