ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, niente impresa europea:
l'Arsenal vince anche al San Paolo

Napoli, niente impresa europea:
l'Arsenal vince anche al San Paolo

Niente miracolo. L'Arsenal passa anche al San Paolo (0-1) e il Napoli esce dall'Europa League. È l'ultima squadra italiana ad alzare bandiera bianca nelle competizioni europee ma per passare il turno ci sarebbe voluta una vera e propria impresa che gli azzurri non riescono a realizzare. L'Arsenal, forte del vantaggio di due gol acquisito la settimana scorsa nella gara d'andata, non soffre il ritorno di fiamma degli avversari e accede alle semifinali senza troppi patemi.

La partita vera dura 35 minuti. È in quel momento che Lacazette trasforma in gol una punizione calciata da 25 metri. È bravo il giocatore francese a mandare il pallone ad insaccarsi con una parabola arcuata, ma è ingenuo Meret, l'eroe dell'Emirates Stadium, l'uomo che la settimana scorsa aveva evitato il tracollo alla propria squadra, che sulla rincorsa dell'attaccante dell'Arsenal fa un passo nella direzione sbagliata e quando si accorge che il tiro è diretto dalla parte opposta è ormai troppo in ritardo per riparare.


RILEGGI LA DIRETTA DELLA PARTITA

​A questo punto al Napoli non basta neanche più un'impresa, ci vuole un miracolo perché per capovolgere la situazione la squadra di Ancelotti dovrebbe segnare quattro gol. L'impressione è che gli azzurri siano troppo condizionati dalla necessità di non dover subire gol. La squadra è contratta e timorosa e soprattutto non riesce a svincolarsi davanti al solito pressing altissimo degli avversari. La stessa formazione mandata in campo da Ancelotti, con Maksimovic schierato sulla fascia destra della difesa e preferito a un difensore più votato alla propulsione, come Malcuit o Hysaj, la dice lunga sui timori che avevano caratterizzato la vigilia. Nonostante ciò gli azzurri nella prima fase della partita arrivano più vicini al gol di quanto non riesca a fare l'Arsenal. Milik fallisce la migliore occasione, colpendo male il pallone di testa da favorevolissima posizione.

 

 

Nella ripresa Ancelotti tenta il tutto per tutto e inserisce Mertens al posto di Maksimovic, piazzando Callejon sulla linea di difesa. L'Arsenal tira i remi in barca e non forza più le giocate. Dopo un paio di minuti i Gunners costruiscono l'azione del raddoppio ma Meret fa il miracolo deviando in angolo una conclusione ravvicinata di Aubameyang. Ancelotti fa qualche altra sostituzione ma più per risparmiare i suoi uomini più stanchi che per tentare di aggiustare la situazione sul piano tattico.

Insigne viene bersagliato dai fischi quando al suo posto entra Younes. Il pubblico sperava nell'impresa ed è deluso. Dagli spalti, mentre la partita si consuma stancamente, partono cori contro il presidente De Laurentiis, ma solo dalle due curve. Dagli altri settori dello stadio li levano invece fischi di contestazione ai contestatori. Per il Napoli la stagione finisce qui. Ancelotti ha ora tutto il tempo di lavorare con la società per ricostruire una squadra che ha decisamente bisogno di nuova linfa.

 

NAPOLI (4-4-2)
Meret; Maksimovic (1' st Mertens), Chiriches, Koulibaly, Ghoulam (26' st Mario Rui); Callejon, Allan, Ruiz, Zielinski; Milik, Insigne (16' st Younes).
In panchina: Ospina, Malcuit, Hysaj, Verdi. All. Ancelotti. 

ARSENAL (3-4-1-2)
Cech; Papastathopoulos, Koscielny, Monreal; Maitland-Niles, Torreira, Xhaka (16' st Elneny), Kolasinac; Ramsey (34' pt Mkhitaryan); Aubameyang, Lacazette (22' st Iwobi).
In panchina: Leno, Mustafi, Guendouzi, Ozil. All. Emery.

ARBITRO: Hategan (Romania).
RETE: 35' pt Lacazette.
NOTE: ammoniti Callejon per gioco scorretto; Insigne e Cech per comportamento non regolamentare. Angoli: 8-5 per il Napoli. Recupero: 4' e 3'. Spettatori: 40 mila.
 
 


 


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Larissa Iapichino oro nel lungo come mamma May: «Pazzesco, avevo i brividi»
Video

Larissa Iapichino oro nel lungo come mamma May: «Pazzesco, avevo i brividi»

  • Il pellegrinaggio dei tifosi del Bologna sul San Luca a sostegno di Mihajlovic

    Il pellegrinaggio dei tifosi del Bologna sul...

  • Coppa d'Africa, la nazionale algerina torna a casa: tifosi in delirio

    Coppa d'Africa, la nazionale algerina...

  • Amichevoli, i 5 gol del Napoli contro la Feralpi Salò

    Amichevoli, i 5 gol del Napoli contro la...

  • I tifosi del Bologna portano in ritiro uno striscione per Mihajlovic

    I tifosi del Bologna portano in ritiro uno...

  • Lo scherzo di Totti è virale: secchiata di riso al matrimonio della sorella di Ilary

    Lo scherzo di Totti è virale:...

  • Roma, Diawara e Veretout a Villa Stuart per le visite mediche

    Roma, Diawara e Veretout a Villa Stuart per...

  • De Ligt si presenta: «Orgoglioso di come mi hanno accolto i tifosi della Juve»

    De Ligt si presenta: «Orgoglioso di...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
giadant
2019-04-19 12:24:19
Comunque un po' di mortaretti e castagnole come per la Juve non ci sarebbero stati male no?
grossolupocattivo
2019-04-19 12:10:43
Una pessima Juve ha perso contro una grande squadra. Un pessimo Napoli lo ha fatto giocando contro una squadra cosi' e cosi',niente de che.
Giacominocasanova
2019-04-18 23:10:32
Di nome è di fatto ... Nunsigne!!! Il freddo addosso che squadrone....
alfio2
2019-04-18 23:09:06
Dispiace dirlo, ma Ancelotti ha fallito. Il suo Napoli non ha un modulo, nè disciplina tattica e nemmeno mentalità per vincere partite di livello. Si naviga a vista nella speranza che quest'anno finisca presto. Ma per fare cosa dopo? Il punto interrogativo è veramente d'obbligo. Se è vero che l'allenatore non ha valorizzato il patrimonio lasciato da Sarri è anche vero che la società ci ha messo del suo non ultimo vendendo 3 centrocampisti (Jorginho, Hamsik e Rog) i quali, anche se non sono il top mondiale, comunque sono meglio loro che niente. Il futuro è veramente un gran mistero perchè, per fare il gioco di Ancelotti ci vogliono i campioni e non l'EmpoliTorino visto in campo. Il calcio Italiano sarà anche alla preistoria, ma è anche vero che il Napoli, in questa preistoria, è stato sempre in europa. Se il Napoli giocasse nel campionao Inglese, che non è preistoria, sarebbe scomparso da tempo dalla faccia della terra. L'Arsenal lo ha surclassato infatti in tutto, gioco, ritmo, gambe, mentalità. E dire che non è nemmeno la migliore squadra inglese...
Robin Hood
2019-04-18 23:01:26
Con centrocampisti adattati e senza attaccanti non si vince nulla, altro é il gioco di squadra

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT