ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli-Torino, si salva solo Malcuit:
disastro Milik, Fabian va in difficoltà

Napoli-Torino, si salva solo Malcuit:
disastro Milik, Fabian va in difficoltà

La grande abbuffata di cioccolatini in Svizzera provoca una brutta indigestione al Napoli, che al ritorno dalla gloriosa notte di Europa League incappa in un pari senza gol che lo fa allontanare ancora dalla vetta della classifica. Che poi sarebbe ingeneroso parlare di prestazione insufficiente, perché a mancare sono soltanto i gol. Ecco perché sul banco degli imputati ci finiscono le punte. Milik, su tutti, che sbaglia di tutto e di più. Poi ci si mette anche la sfiga visto che Insigne centra un palo a metà ripresa. Lo 0-0 brucia perché dalle parti di Ospina non si vede nessuno e i pericoli non sono nemmeno lontanamente contemplati nella metà campo azzurra. Ancelotti ci prova con un cambio di modulo a metà ripresa, ma non serve.
 


6 OSPINA
Vederlo lì tra i pali è già una buona notizia, perché vuol dire che sta bene e i fastidi che lo avevano bloccato alla vigilia di Zurigo sono già un lontano ricordo. Dal punto di vista degli interventi si deve limitare all’ordinaria amministrazione, perché gli attaccanti del Torino non centrano mai la porta.

7 MALCUIT
Il termometro della sua condizione si era impennato già a Zurigo dove aveva fatto intendere di stare alla grandissima. Col Torino mette in mostra tutto il repertorio: galoppate sulla fascia, recuperi difensivi, preziose diagonali e ottimo senso per gli inserimenti dei compagni che serve con puntualità.

6 MAKSIMOVIC
Più impostazione che copertura. Il primo passaggio di ogni azione è quello che parte di suoi piedi. Difficilmente si tratta di una verticalizzazione che apre tutto il campo, ma è sempre preciso e puntuale negli appoggi. Qualche sportellata con Belotti e poco altro: serata sostanzialmente tranquilla e inoperosa.

6,5 KOULIBALY
Munito di cazzuola e cemento a presa rapida si premura di erigere un muro sul tiro a botta sicura di Rincon. Questo resterà l’unico vero intervento difensivo della sua partita, visto che poi i pericoli dalle sue parti latitano. Infiamma il San Paolo con un colpo di tacco che a momenti lancia in porta Insigne.

6,5 HYSAJ
Regala ad Ancelotti l’ennesima conferma di poter essere un validissimo jolly. Carletto gli chiede di giocare a sinistra e lui sbriga la pratica senza macchia e senza paura. Nonostante sia destro purissimo, si spinge in avanti per cercare anche qualche buon cross da mettere in mezzo per le punte, ma senza fortuna.

5,5 CALLEJON
Non è sempre Zurigo. E allora capitano anche serate nelle quali deve badare più alla sostanza che alla forma. Il Torino è squadra tosta e ben organizzata. Per di più sulla sua fascia c’è Aina, ragazzino di belle speranze che spinge come un matto. Lo spagnolo lo tiene d’occhio ma senza affondare come al solito.

6,5 ALLAN
Avrebbe tutte le qualità che storicamente vengono affibbiate a giocatori dal “cuore Toro”. Corsa, grinta e spirito di sacrificio. In mezzo al campo è su ogni pallone. Sradica i più pericolosi dai piedi dei granata e innesca puntualmente le ripartenze dei suoi. Non perde mai la bussola, anche nei momenti più caotici.

5,5 FABIAN RUIZ  
Le due cose più belle del primo tempo portano la sua firma: in entrambi i casi apre la difesa del Toro come una cerniera. Sull’invito a centro area Milik arriva in ritardo, sul tiro dal limite si vede deviare il pallone in calcio d’angolo dal gambone puntuale di Moretti. Nella ripresa si spegne e Ancelotti lo cambia.

5 ZIELINSKI
La solita sensazione di stare su una Ferrari che non mette mai le marce alte. I giri del motore si sentono tutti perché in alcuni momenti li fa cantare tutti, ma al momento della sgasata decisiva, quella che porterebbe alla bandiera a scacchi, stacca il piede dall’acceleratore e perde di vista il traguardo.

6 INSIGNE
Strappa e scatta. In avanti è quello che porta brillantezza in ogni azione. Gli manca il guizzo giusto per infilare Sirigu su bell’invito di Milik. E quella volta in cui trova lo spunto che potrebbe valere oro, viene tradito dal palo. Ammonito nel finale di primo tempo: era diffidato, salterà la trasferta di Parma.

5 MILIK
Colleziona una serie di palle gol da poter riempire un paio di bacheche. Gli manca il killer instinct che invece dovrebbe caratterizzare ogni attaccante. Arriva stanco e scarico sui tanti palloni che i compagni gli recapitano con pazienza e precisione certosina. Affetto anche lui dalla sindrome di Mertens a Firenze.

5,5 MERTENS
Subito un bell’assist per la testa di Milik che viene anticipato da NKoulou. Gioca alle spalle del polacco nel tentativo di aprire corridoi buoni e sfruttare le seconde palle. L’idea di Ancelotti non sarebbe manco male, se solo non fosse che i palloni giocabili da quella parti non arrivano praticamente mai.

5,5 VERDI
Con lui e Mertens in campo è un Napoli a trazione totalmente anteriore. Dopo gli ultimi acciacchi Ancelotti si affida ugualmente ai suoi guizzi per sbloccare una partita che è davvero maledetta dal punto di vista della fase realizzativa. All’andata aveva fatto un gran bel gol, questa volta non riesce a ripetersi.

6 ANCELOTTI
La squadra gira. E non può essere certo colpa sua se Milik non butta dentro nemmeno una delle svariate palle buone che i compagni gli recapitano su tutte le parti del corpo. Schierare 9 undicesimi della formazione di Zurigo è un segnale chiaro: non vuole mollare il campionato a febbraio. Prova a invertire la tendenza con un doppio cambio super offensivo, ma non basta a centrare l’obiettivo della vittoria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni
Video

Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

  • Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il chanbara

    Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il...

  • Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di Made in Sud

    Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di...

  • Salisburgo-Napoli 3-1, il commento dell'inviato Ventre

    Salisburgo-Napoli 3-1, il commento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
Pippo54
2019-02-18 17:43:11
Per vincere una partita è necessario segnare nella porta avversaria. Non si vince ai punti come nella Boxe. Per quanto riguarda i calciatori, abbiamo decantato troppo presto Fabian e poi i laterali (a parte Malcuit) non sanno crossare. Senza tener conto poi che sia i Calcio D'angolo che le punizioni per il Napoli sono praticamente palle perse, non le sfruttano mai; mentre per altre squadre diventano ghiotte occasioni. Attenzione, qui si parla di 2° posto, ma se non stiamo attenti, e con l'aria anti-Napoli che gira, si rischia di perder anche il 4° di posto e quindi l'accesso alla Champions.
Amus
2019-02-18 16:07:52
squadra senza carisma l'unico che si mettei n mostra è allan , ma non lo fà per il napoli ma per se stesso già come ha fatto in coppa italia a milano, lui lo fà per mettersi in mostra al psg dove andrà a giugno, quindi può anche prendere tutti 10 tanto mi è scaduto dal cuore, lui non sposa questo progetto. scaffale
raul bravo
2019-02-18 15:10:42
l'ultima che abbiamo giocato bene è stata contro la lazio, poi è tornato tiroaggiro
giusto
2019-02-18 14:53:08
Condivido tutte le cose che ho lette ma io mi permetto di aggiungerne un'altra che è vecchia da tempo. Domando perchè quei bellissimi contropiedi dei tempi di Mazzarri non si vedono più? o meglio si vedono delle bellissime uscite dalla difesa, centrocampo comincia a rallentare e gingillarsi con i passaggetti mai dimenticati laterali o addirittura all'indietro e così si arriva al limite dell'area avversaria tutti fermi e in un baleno l'area che era una prateria diventa piena di difensori e a quel punto che vuoi segnare più!! La lentezza congenita dei nostri da sempre dimostrata Mcon le dovute eccezioni di Lavezzi e qualche altro , dà tutto il tempo all'avversario di schierarsi e di marcare a uomo, e l'azione nostra da che doveva sfociare con un tiro in porta addirittura si trasforma in un contropiede avversario con precipitose rincorse o falli in recupero! Ma questa semplicissima osservazione dello spettatore perchè non viene rilevata da tanti bravi giornalisti e dall ' allenatore ? Elementare Watson l'azione è sempre troppo lenta e non avendo noi attaccanti che sanno dribblare in velocità e tirare in porta si ferma tutto. Non credo che sia condizione fisica carente perchè anche a inizio partita già e non sempre per fortuna, si comincia a giocherellare a centrocampo e non si va scattando in profondità Purtroppo questa carenza nel saltare l'uomo e tirare subito in porta ce la porteremo fino a quando non saranno finalmente dimenticati quei maledetti triangoli che prima riuscivano e oggi non riescono più!!! Imparino di nuovo a saltare l'uomo Dai Ancelotti una sveglia a chi dorme in campo.
antonpet
2019-02-18 16:29:58
Il gioco di Mazzarri era difesa e contropiede ed il Napoli aveva ottimi contropiedisti come Lavezzi e Cavani. Il Napoli di Ancelotti/Sarri non ha questo tipo di giocatori e deve arrivare al goal con azioni più manovrate. Detto questo con Mertens ed Insigne in condizione con Sarri non si contano i goal fatti dal Napoli in contropiede o come si dice adesso “ con ampi spazi a disposizione”. Ma la differenza più grande sta che all’epoca di Mazzarri le squadre che venivano a Napoli si giocavano la partita attaccando anche perché gli veniva concesso. Con Sarri e anche con Ancelotti le squadre hanno paura del gioco d’attacco del Napoli e si coprono in modo oserei dire “indecente” come il Torino ieri sera ,il Chievo , la Fiorentina, per non parlare della Juve. Ed allora è molto più difficile andare in goal. Aggiungiamo che quest’anno stiamo vedendo la brutta copia di Insigne e Mertens ed il quadro è completo!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT