ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Nasce il Napoli sempre Verdi:
Simone e le varianti in attacco

Nasce il Napoli sempre Verdi:
Simone e le varianti in attacco

Ecco Verdi, il primo colpo del Napoli di Ancelotti. L'annuncio ufficiale sul sito del club azzurro ieri sera alle 21: l'esterno acquistato dal Bologna per 25 milioni ha sottoscritto un contratto di cinque anni (ingaggio di circa 1.7 milioni all'anno). La firma in serata alla Filmauro dopo le visite mediche sostenute in pomeriggio a Villa Stuart. Poco dopo il tweet del presidente «Benvenuto Simone» con la foto della stretta di mano e il contratto a prima vista con tanto di corno, un simbolo scaramantico per la sua nuova avventura in maglia azzurra. Sul sito della società è stato inserito un video originale dal titolo «50 sfumature di...#Verdi#WelcomeVerdi».

IL JOLLY IDEALE
Verdi è perfetto per Ancelotti, in un modulo o nell'altro lui ci sarà sempre. Un jolly offensivo ideale sia per il 4-3-3, il modulo base negli ultimi tre anni di Sarri che verrà riproposto dal nuovo allenatore, che per il 4-2-3-1, il sistema di gioco alternativo per la prossima stagione. Il neoacquisto sarebbe congeniale anche per il 4-3-2-1, lo schema ad albero di Natale che re Carlo utilizzava nel Milan e potrebbe riproporre a Napoli. Verdi conosce bene Insigne, suo compagno in Nazionale: intesa già perfetta tra i due attaccanti molto forti dal punto vista tecnico. Nell'Italia di Mancini hanno giocato tutti e due nel tridente d'attacco nell'ultima amichevole contro l'Olanda a Torino: Verdi a destra e Insigne a sinistra, serata in cui Simone di fatto annunciò davanti alle telecamere della Rai il suo sì al Napoli. Insigne e Verdi si ritroveranno con lo stesso modulo nel Napoli di Ancelotti, saranno loro i due esterni del tridente con Milik punta centrale, o eventualmente Mertens, in un reparto tutto di piccoletti.

RE DELLE PUNIZIONI
Si muove con naturalezza partendo da destra ma per caratteristiche funziona alla perfezione anche da trequartista alle spalle della prima punta, ecco perché si troverebbe benissimo nel 4-2-3-1. Calcia benissimo con tutti e due i piedi e infatti è uno specialista sui calci di punizioni dal limite che tira indifferentemente sia con il destro che con il sinistro. Assist e gol fanno parte del suo Dna: quest'anno nel Bologna di Donadoni ha segnato 10 reti mandando anche numerose volte in porta i compagni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga
Video

Nainggolan si riprende in bagno e canta l'inno belga

  • Napoli tra Ancelotti e mercato: le voci dei tifosi

    Napoli tra Ancelotti e mercato: le voci dei...

  • Quando Renzi disse a Putin: «L'Italia vincerà i Mondiali in Russia»

    Quando Renzi disse a Putin:...

  • Caos Spagna, Hierro è il nuovo ct

    Caos Spagna, Hierro è il nuovo ct

  • Juventus, Marotta: «Icardi da noi è fantacalcio»

    Juventus, Marotta: «Icardi da noi...

  • Italia senza Mondiali, per chi tifano i napoletani?

    Italia senza Mondiali, per chi tifano i...

  • Mondiali 2018, ecco chi è il giocatore più anziano che scenderà in campo

    Mondiali 2018, ecco chi è il...

  • «Napoli usa il sapone», il vergognoso coro dei baby calciatori della Juventus

    «Napoli usa il sapone», il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
felipe
2018-06-12 21:57:54
Viene presentato come fosse un campione già noto e consacrato: non è un tantino esagerato? Se davvero fosse così bravo sarebbe già stato subissato di richieste, anche dall'estero, e il suo valore sarebbe decisamente più alto. 25 milioni è una valutazione di un giocatore di basso livello. Infatti, dopo mesi di attesa, Verdi ha dovuto prendere atto che nessun big club chiedeva le sue prestazioni, e che le sue aspettative erano eccessive. E ha dovuto, obtorto collo, accettare Napoli. Credo che, al momento, sia solo un buon giocatore, da non poter ambire a grandi squadre. Ma è giusto accoglierlo con simpatia, senza fargli pesare il suo rifiuto di gennaio, esortandolo a dare il massimo per il Napoli, con la speranza che, giocando in una squadra più forte, riesca a dimostrare di valere molto più della sua quotazione di mercato.

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT