ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Orgoglio Milik: per il bomber
polacco soltanto gol d'autore

Orgoglio Milik: per il bomber
polacco soltanto gol d'autore

Inviato a Wolfsburg

L’istantanea del gol di Milik al Borussia Dortmund è uno spot per il calcio, un colpo da centravanti vero: controllo e sinistro imprendibile nell’angolo lontano. Tutto in rapidità e con grande naturalezza: il polacco c’è e lancia un segnale di quelli forti. Arek sa di giocarsi una carta importantissima ed è pronto ad assumersi tutte le responsabilità. Il presidente De Laurentiis crede fermamente in lui e lo ha blindato troncando sul nascere tutte le voci di mercato sul possibile arrivo di un altro attaccante e cancellando le suggestioni dei tifosi che ancora girano sui social di un possibile ritorno a Napoli di Cavani.

La prima punta ideale per il gioco di Ancelotti: il nuovo tecnico ha pienamente condiviso l’idea della società di puntare su di lui. Un centravanti di peso ma non statico che riesce a dare profondità e dialoga con i compagni. Queste sono le caratteristiche di Milik che si sposano a meraviglia con il calcio di re Carlo: un primo assaggio nel secondo test europeo che ha restituito il sorriso agli azzurri dopo la figuraccia di Dublino contro il Liverpool. Un contributo già determinante e destinato a crescere appena migliorerà la sua condizione atletica visto che il polacco si è unito in ritardo al gruppo dopo i mondiali, non proprio fortunati, giocati in Russia con la sua Polonia.

Riparte con una carica straordinaria, Milik, quella già mostrata nel finale della scorsa stagione quando con i suoi gol e le sue prestazioni fu determinante per tenere in corsa il Napoli fino all’ultimo nel duello con la Juve. Due anni sfortunatissimi quelli in azzurro: alla prima stagione con Sarri si è rotto il legamento crociato in una partita di qualificazione mondiale con la sua nazionale contro la Danimarca dopo un partenza fulminante con 7 reti tra campionato e Champions. Poi, ha rivissuto lo stesso dramma più o meno a un anno di distanza con il crac al ginocchio contro la Spal a Ferrara.

Una volontà di ferro la sua per riemergere dai momenti bui e ripartire: sa di godere della fiducia di staff tecnico e società e ha un legame fortissimo con i compagni. Tutte componenti che lo aiutano a far meglio ma è chiaro che poi a rafforzare il morale di un attaccante contribuiscono soprattutto i gol. Ed ecco perché la rete segnata da Arek al Borussia Dortmund e che ha aperto la strada alla vittoria contro i tedeschi, imbattuti in precampionato, è una di quelle dal significato pesante: sabato qui in Germania contro il Wolfsburg, dove il Napoli centrò con Benitez una fantastica vittoria per 4-1 nei quarti di Europa League, Milik ci proverà ancora.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Universiadi al via la campagna di reclutamento dei volontari
Video

Universiadi al via la campagna di reclutamento dei volontari

  • Universiadi, meno 100 giorni all'evento con i campioni olimpionici

    Universiadi, meno 100 giorni all'evento...

  • Karnezis presenta il ritiro del Napoli in Trentino

    Karnezis presenta il ritiro del Napoli in...

  • Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»

    Nazionale, Barella: «Bello e facile...

  • Futsal, il super derby Napoli-Eboli

    Futsal, il super derby Napoli-Eboli

  • Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

    Italdonne, storico secondo posto nel Sei...

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
Amus
2018-08-09 14:37:00
Milik, ma a finale sto bomber quanti gol in media fà all’anno non l’ho ancora capito

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT