ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Sarri rilancia la sua sfida alla Juve
«Andiamo a prendere il potere»

Sarri rilancia la sua sfida alla Juve
«Andiamo a prendere il potere»

Il Napoli abbatte il Genoa e ritrova i tre punti, rilanciandosi nella corsa allo scudetto e riavvicinando la Juventus, ora distante solo due punti. «Napoli padrone del suo destino? Fosse per me, andrei fino al palazzo a prendere il potere. Ma non è così facile e lo sapete benissimo», mette in chiaro Maurizio Sarri alle telecamere di Premium Sport. «Questa era una partita difficile. Vediamo di andare più avanti possibile e di fare il meglio possibile».

Per l’allenatore azzurro, però, la vittoria sul Genoa arriva dopo una buona prestazione a Milano. «Contro l’Inter avevamo fatto bene nonostante lo 0-0 finale», ha continuato Sarri. «Il Genoa è una delle squadre d'Europa che ha preso meno gol in trasferta, abbiamo trovato una squadra chiusa e quando è chiusa e bassa si difende benissimo. La palla ferma era veramente una delle poche soluzioni». E la sfida ai bianconeri è lanciata. «Negli anni scorsi la Juve a quest'ora aveva praticamente già vinto. Dobbiamo continuare, le gare nel finale di stagione saranno spesso come quelle di stasera, sarà difficilissimo».

Dopo il pari di ieri per la squadra di Allegri, quella di stasera era una gara da vincere a tutti i costi. «Abbiamo giocato sempre dopo la Juventus, le altre volte ci è andata male, stavolta ci è andata bene. Hamsik ha avuto un problema ad un flessore. Lo stop dipenderà dall'entità dell’infortunio, per lui la sosta capita nel momento giusto. La nostra sosta, però, è relativa, avremo tanti giocatori in giro per il mondo e per loro diventa ancora più stancante», ha concluso Sarri.
«Marek domani si presenterà in nazionale, ma credo rientri subito perché non penso sia capace di giocare tra pochi giorni» ha chiosato il mister.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Torino-Napoli, la lunga attesa dei tifosi
Video

Torino-Napoli, la lunga attesa dei tifosi

  • Juve, Allegri difende Ronaldo: «Non deve dimostrare nulla»

    Juve, Allegri difende Ronaldo: «Non...

  • Italvolley, Blengini: «Noi umili e maturi, la Russia sarà arrabbiata»

    Italvolley, Blengini: «Noi umili e...

  • Lotito, selfie con un tifoso della Roma: poi l'insulto

    Lotito, selfie con un tifoso della Roma: poi...

  • Ciro Ferrara, che show da Nennella

    Ciro Ferrara, che show da Nennella

  • Poche speranze Champions ma i tifosi apprezzano i saldi di De Laurentiis

    Poche speranze Champions ma i tifosi...

  • Stella Rossa-Napoli 0-0, il commento di Roberto Ventre dal Marakana

    Stella Rossa-Napoli 0-0, il commento di...

  • Stella Rossa-Napoli, l'attesa Champions dei tifosi

    Stella Rossa-Napoli, l'attesa Champions...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
johnnyred
2018-03-20 16:16:52
sinceramente ritengo Sarri un buon allenatore ma non un GRANDE allenatore; quello che ti fa la differenza fuori campo e non è sempre e solo colpa di panchinari scarsi (che effettivamente lo sono). Lui conosce solo un modulo di gioco e si incaponisce su quel modulo: finchè gli va bene ed il Napoli è in forma, allora si gioca alla grande (ma non dimentichiamoci la pochezza delle squadre del campionato italiano), ma non appena si incontra una squadra coriacea, allora il modulo va a farsi benedire e non riesce mai a trovare soluzioni alternative. Mi piacerebbe vederlo allenare una squadra di alto livello, per capire se è veramente un grande allenatore come dicono molti (napoletani logicamente)
gigioppi
2018-03-20 21:41:54
Sarri è a Napoli da tre anni ed ha sempre mantenuto la squadra nei primi posti della classifica, per cui non è una meteora. Considerando inoltre la rosa che ha avuto ed ha a disposizione ha fatto molto meglio di altre squadre che ad inizio campionato venivano accreditate più del Napoli nel contendere il primo posto alla Juve. Non è vero che non cambia modulo ma ha dovuto fare di necessità virtù dopo l'infortunio di Milik con il quale aveva già iniziato a disporre diversamente la squadra. Sarri ha valorizzato Ghoulam e Kuolibaly in discussione con Benitez, ha rigenerato Jorginho e ha trasformato Mertens in un ottimo centravanti. Allegri ha fallito al Milan e con la rosa e la potenza che ha la Juve per qualunque allenatore sarebbe facile vincere. La Juve non ha gioco e quando i campioni non riescono ad inventarsi il gol (vedi ad esempio con la lazio) le partite sono noiose e finiscono 0-0 come a Ferrara.
partenopeo7
2018-03-20 13:51:00
ciao Gigioppi....infatti !! e quando sarri dice: la squadra ha dato il 110 %..è verissimo !! il duo-sciagura (adl-giuntoli) che hanno "sperdizziato" la bellezza di 152 mil in 2 anni di acquisti ad capocchiam..traggono anche beneficio dalla valorizzazione di molti ..titolarissini di sarri (che tecnicamente sono giocatori di media caratura...ad essere generosi..) è vero: doppio miracolo per il duo.-sciagura..incompetente ma fortunato!
gigioppi
2018-03-19 19:32:03
Ciao partenopeo7 Sarri con la rosa che ha a disposizione ha fatto due miracoli: permette al Napoli di essere l'unica avversaria della Juve che altrimenti a questo punto avrebbe già "ammazzato" il campionato ed ha fatto lievitare notevolmente il valore della rosa per la gioia di Giuntoli e ADL. Leggo che anche Mario Rui è stato convocato dalla sua nazionale e dunque nuovo valore aggiunto.
partenopeo7
2018-03-19 15:04:13
voglio ribadirlo..ben chiaro !!!--- con l'organico che si ritrova ...e senza panchina !!!...il napoli finora ha fatto un vero miracolo sportivo- speriamo possa continuare così...!!!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT