ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, Fabian come Insigne:
Allan top, Koulibaly è una roccia

Napoli, Fabian come Insigne:
Allan top, Koulibaly è una roccia

Inviato a Udine

Le due facce del Napoli. Inizio lampo, di quelli che oramai fanno parte del Dna di questa squadra. Gol di Fabian e partita che sembra in discesa. Poi la luce si spegne e trovare l’interruttore diventa un’impresa titanica. I reparti si allontano e diventano decisive le parate di Karnezis unite alle chiusure di Koulibaly. L’ultimo quarto d’ora, ovvero quando Ancelotti cambia due pedine troppo fragili (Milik e Zielinski), l’orchestra ritorna a suonare una sinfonia bella e coinvolgente. I gol di Mertens su rigore e Rog appena entrato sono la logica conseguenza di un cambio di mentalità decisivo. Si cresce anche grazie a vittorie sofferte come questa. Lo sa Carletto e lo sanno tutti i giocatori che infatti si abbracciano al gol di Dires che arriva come una liberazione.
 

 

7 KARNEZIS
In una serata che potrebbe essere all’insegna del dolce far nulla, si deve superare con un bel tuffo per evitare che Lasagna rovini la festa azzurra. E’ sempre attento sulle conclusioni da lontano e sui cross che piovono in area. Ci teneva a fare bella figura davanti al suo ex pubblico: missione compiuta.

6,5 MALCUIT
Spinge. Eccome se spinge. Oramai non sono più quei capelli fluorescenti a far notare la sua presenza in campo. Malcuit c’è e si vede. Sulla fascia destra è un treno e non esce mai dal binario. I pericoli maggiori per la difesa dell’Udinese partono dalle sue parti. Finché ha questa foga, Ghoualm può riposare con calma.

5 ALBIOL
Rischia grosso innescando un contropiede pericolosissimo. Pizza pagata a Karnezis che si oppone alla conclusione ravvicinata di Lasagna. Poi si becca anche un giallo per un’entrataccia in ritardo nel finale di primo tempo. Se la difesa azzurra balla è sopratutto per le sue amnesie. Una novità. Si spera unica.

7,5 KOULIBALY
Nella coppia di centrali è quello che deve cantare e portare la croce. Nella serata storta del suo compagno di merende si immola con un paio di chiusure provvidenziali. Su Lasagna nella ripresa si stende a pelle di leopardo e mura una conclusione ravvicinata che avrebbe creato non pochi problemi al Napoli.

6 HYSAJ
Ancora una volta adattato a sinistra. Il compitino senza sbavature è un po’ il suo marchio di fabbrica e quella di ieri non è una serata che fa eccezione. Vede la linea di metà campo come Dante immaginava le colonne d’Ercole e per questo cerca di non oltrepassarla quasi mai se non per casi di impellente necessità.

6,5 CALLEJON
Approfittando dei quell’ossesso di Malcuit che gli sgomma accanto, preferisce giocare più accentrato. Da quando è a Napoli forse non lo avevamo mai visto così distante dalla linea di gesso che delimita il fallo laterale. Ci prova con un paio di conclusioni dalla distanza e contribuisce nel lavoro sporco.

7 ALLAN
Trotta alla sua maniera: su e giù per il campo come il più classico dei maratoneti. A Udine se lo ricordavano mediano di lotta, a Napoli ha imparato a fare (più che bene) tutte le fasi. Alleggerisce la manovra con appoggi mai banali e si butta negli spazzi appena gli avversari aprono la cerniera di  metà campo.

5,5 ZIELINSKI
L’idea iniziale dell’allenatore è quella di piazzarlo nel centro del gioco al fianco di Allan, ma l’infortunio lampo di Verdi lo costringe subito a migrare sulla corsia esterna di sinistra. A tratti è un po’ assente e i suoi strappi sarebbero merce preziosa per tenere il Napoli su quando la squadra si abbassa.

sv VERDI
Due minuti e subito si ferma. Ancelotti gli aveva chiesto di giocare largo a sinistra del centrocampo a quattro, ma non ha nemmeno il tempo di far vedere come se la cava. Al primo pallone toccato si accascia per un problema muscolare che lo costringe a lasciare il posto a Fabian Ruiz. Sfortunato, anzi sfortunatissimo.

6,5 MERTENS
Si pesta un po’ i piedi con Milik ed essendo quello più mingherlino finisce per avere la peggio. Le sue giocate raramente sono banali, anzi quando può cerca di inventare qualcosa a effetto. Ancelotti lo lascia dentro nel finale preferendolo al polacco, lui ricambia realizzando il rigore del raddoppio. 

5 MILIK 
Acceso come una pila elettrica, ma con il rischio di prendere addirittura la scossa. È nervoso, forse perché gli manca il gol. Eppure l’occasione buona ce l’avrebbe a metà primo tempo, ma la palla gli capita sul destro e sparacchia largo. Prende un giallo e rischia il rosso scongiurato solo dal Var.

7,5 FABIAN RUIZ
Non ha neanche il tempo di capire dove si trova che è già il protagonista della gara. Con Insigne out per problemi fisici si inventa lui un gol alla Lorenzo: destro a giro e palla sotto l’incrocio. Primo gol con la maglia del Napoli che serve a coronare una settimana d’oro con la rete realizzata con l’U21 spagnola.

6,5 HAMSIK
Entra nel momento più caldo della gara con il preciso compito di gestire il pallone e far respirare la squadra in fase di impostazione. Gioca un bel numero di palloni e lo fa con grande personalità. D’altra parte è capitano di lungo corso, e anche per mezzora sa cosa vuol dire fare la differenza.

6,5 ROG
Vedi Fabian: non ha nemmeno il tempo di entrare in campo e subito la butta dentro. Il suo destro dal limite dell’area di rigore è una saetta che si stampa alle spalle dell’impotente Scuffet. E pensare che Ancelotti lo aveva messo dentro per irrobustire il centrocampo in ottica di contenimento.

7,5 ANCELOTTI
Più che un allenatore è un sensitivo. Sente la partita. Ma soprattutto sente i cambi. Li indovina tutti. A partire dal quello lampo per l’infortunio di Verdi. Entra Fabian e fa gol, poi nel momento di sofferenza mette dentro Hamsik e il capitano contribuisce alla ripresa di coraggio. Rog è la ciliegina, perché il croato segna il 3-0 al primo pallone toccato. A questo si aggiunge anche una grande verve emotiva perché Carletto spinge i suo come se ci fosse anche lui in campo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Arbitro in lacrime per la morte della mamma, Van Dijk lo consola
Video

Arbitro in lacrime per la morte della mamma, Van Dijk lo consola

  • Napoli, De Laurentiis tra le donne e il sesso

    Napoli, De Laurentiis tra le donne e il sesso

  • Napoli, tutti i progetti di patron De Laurentiis

    Napoli, tutti i progetti di patron De...

  • Napoli, De Laurentiis e i lavori allo stadio San Paolo

    Napoli, De Laurentiis e i lavori allo stadio...

  • Spagna, l'incredibile errore di Morata

    Spagna, l'incredibile errore di Morata

  • MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia

    MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a...

  • I Dorados di Maradona ai playoff, la festa negli spogliatoi

    I Dorados di Maradona ai playoff, la festa...

  • Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia: «Siamo sulla strada giusta»

    Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia:...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
cpsdaa
2018-10-22 05:35:13
Buona pagella, serata debole per Albio (e ci può stare) ma di Zielinki non vedo mai il salto di qualità. Marek è sempre un faro, un giocatore intelligente come pochi. peccato gli abbiano tolto il suo ruolo, dove si esprimeva con grande autorià anche in attacco. Ottimo Ruiz. Per il futiro rinuncerei a Rog e Diawara, e mi fionderei a razzo su Barella che ritengo all'altezza di Allan. Vediamo se DeLa si impegna. Infine vedrei bene un cambio Milik - Piatek
antonpet
2018-10-21 13:17:39
Vedo che a molti sfugge la caratteristica del gioco del Napoli che è completamente cambiata dopo le prime partite. All’inizio del campionato era ancora ancorato ai principi del sarrismo ,partiva piano e faticava a trovare la via del goal. Da 4 o 5 partite invece parte forte segna quasi subito e poi controlla la partita facendo stancare l’avversario con il suo caratteristico giro palla. Concede il comando del gioco (non sempre) ad inizio ripresa e poi ,quando l’avversario ha speso tutto per cercare di raddrizzare la partita, assesta il colpo di grazia! Fa un po’ la stessa cosa della Juve concedendo però meno iniziativa e meno campo all’avversario. È poi scontato che quando entrano i cambi, dopo 60-70 minuti , trattandosi di giocatori freschi e tecnici è più facile trovare la via del goal! Il 5 a Milik , anche se non ha incantato, è sbagliato perché comunque tiene impegnati i due centrali e favorisce gli esterni e gli inserimenti da dietro dei centrocampisti. Come pure è esagerato il 61/2 a Rog che ha giocato non più di 10 minuti -anche se ha segnato un goal-!
partenopeo70
2018-10-21 11:51:26
giusto commentare giusto fare osservazioni ma per favore non cerchiamo problemi dove non esistono ( Milik Hisaij ) forzanapolisempre
felipe
2018-10-21 09:30:45
Pagella che condivido. In questo Napoli di Ancelotti Malcuit è la principale nota positiva, seguita da Fabian Ruiz, peraltro scarsamente utilizzato. Milik ieri è stato un pianto, ma è stato anche spesso ignorato dai compagni. La vera nota deludente però è Zielinski, un giocatore altamente dotato ma che, a causa del suo carattere apatico, non cresce mai. Il centrocampo del Napoli si regge principalmente sul frenetico dinamismo di Allan, finchè dura.
Lol
2018-10-21 08:31:22
Malcuit gioca a DX. Cosa centra Ghoulam?

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT