ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, adesso la missione Parigi:
perché il sogno non è impossibile

Napoli, il sogno
non è impossibile

Tre schiaffi all'Udinese e due punti recuperati sulla Juve. Il bianconero porta bene al Napoli, che segna due gol su tre con le riserve (Ruiz e Rog) in Friuli e approfitta del primo rallentamento della capolista, bloccata dal Genoa in casa. Il calcio è fatto di momenti e di circostanze. Per il Napoli, arrivato in Friuli senza Insigne, la partita era cominciata con l'infortunio di Verdi. È entrato al suo posto Fabian Ruiz, nella linea di centrocampo vi è stato lo spostamento di Zielinski sul lato sinistro e dopo dieci minuti lo spagnolo ha segnato un gol alla Insigne, cioè con un destro a giro, approfittando di un errore dell'Udinese. La quinta rete nel primo quarto d'ora, a conferma della concentrazione della squadra che ha attaccato con vigore fin dalle prime battute, stimolata dal pareggio casalingo della Juve. Il Napoli, schierato con Malcuit a destra (molto bravo il franco-marocchino che aspira alla convocazione nella nazionale campione del mondo) e Hysaj a sinistra, ha continuato a costruire ma non è riuscito a finalizzare (due chance per i polacchi: approssimativo Zielinski, impreciso Milik), subendo alcune ripartenze dell'Udinese che non si sono rivelate letali per l'imprecisione di Lasagna e soprattutto per il tempismo di Karnezis, ex bianconero, schierato al posto di Ospina. Dopo partite difficili per i due portieri azzurri, quella di Udine è stata la terza conclusa senza subire reti ed è un elemento importante perché si comprende che i meccanismi difensivi stanno migliorando intorno a quel pilastro di Koulibaly, a cui il tecnico non ha voluto rinunciare in Friuli benché fosse diffidato e a rischio squalifica per la prossima gara contro la Roma.

Nella ripresa si è intensificata la pressione dell'Udinese, meno tenace l'atteggiamento degli azzurri che hanno cominciato a commettere falli tattici che hanno portato l'arbitro a distribuire ammonizioni e hanno fatto irritare Ancelotti che avrebbe voluto chiudere in anticipo questa partita. Ma il Napoli non sembrava quello del primo tempo, con il gioco che diventava sempre più duro, il clima giusto per esaltare le caratteristiche agonistiche di Allan, un gigante sotto l'aspetto della tattica e del temperamento. Palla gol pericolosa quella di Samir, vicinissimo all'autorete su un cross di Zielinski non raccolto da Milik, poco mobile e poco incisivo e infatti escluso da Ancelotti nel finale. Il tecnico ha provato a stimolare e a riordinare la squadra inserendo Hamsik e facendo avanzare Ruiz accanto a Mertens. Ed è stato Dries a chiudere la partita, mentre si spegnevano le energie dell'Udinese, e a riaccendere la sfida scudetto dagli 11 metri, trasformando il rigore concesso per un tocco di Opoku col braccio, dopo la suspence-Var per la valutazione della posizione di Malcuit. I tifosi azzurri - a inizio del secondo tempo bersagliati dai vergognosi cori razzisti degli ultrà friulani - avrebbero successivamente esultato per la prodezza di Rog, uno dei calciatori ignorati da Sarri e rivalutati in questi mesi. Lo scatto alla Dacia Arena è un segnale fortissimo per la Juve e dà grande carica in vista della prossima missione Champions, ribadendo la capacità di Ancelotti di saper ruotare gli uomini al momento e nel modo giusti.
 

 

Mercoledì gli azzurri sono attesi dalla trasferta sul campo del Paris St. Germain, ecco la grande sfida con la squadra dell'amato ex Cavani (lui andò via per un ricco ingaggio ma non sarà mai un traditore), Mbappé, Neymar e Di Maria, quella che ha vinto dieci partite su dieci e ha travolto la Stella Rossa nel precedente match di Champions League (partita su cui indagano la magistratura di Parigi e l'Uefa). Bisognerà verificare i tempi di recupero di Insigne, che è stato fermato da Ancelotti per evitare problemi muscolari dopo gli impegni in Nazionale. E bene ha fatto il tecnico perché i colpi di Lorenzo - anche se nella prima gara saltata dal capocannoniere la squadra ha vinto e ne ha fatti tre all'Udinese - possono aiutare in una partita che si presenta come una montagna da scalare per gli azzurri. Ma lo era pure quella contro il Liverpool e Mr. Champions seppe dare una lezione di calcio a Klopp. È difficile prevedere le mosse tattiche in vista di una partita che, secondo il parere di Ancelotti, peserà sull'esito dl girone perché un punto sarebbe pesantissimo per gli azzurri. È possibile che il tecnico provi a neutralizzare la potente prima linea del Psg, così come ha fatto al San Paolo contro i Reds, però dall'alto della sua grande esperienza sa che non pagherebbe un atteggiamento ultra difensivo al Parco dei Principi. Bisogna, piuttosto, sfruttare gli spazi che la retroguardia di Tuchel concede per tentare una seconda impresa nel girone della morte. La partenza del Napoli era stata stentata (ma il pareggio a Belgrado era strettissimo), poi c'è stata la notte a Fuorigrotta che ha spinto gli azzurri al primo posto in classifica. Sarà complicato mantenerlo ma non impossibile per una squadra che sa giocare bene e soffrire. Ed è questo che aiuta nel cammino verso il successo.

Il pomeriggio di campionato si era aperto con due clamorose sorprese: la vittoria della Spal in casa della Roma e il pareggio in rimonta del Genoa sul campo della Juve, reduce da 8 vittorie consecutive. Il gruppo di Di Francesco sta attraversando una stagione tra rarissime luci e molte ombre, circolano dall'estate venti di contestazione, mentre è possibile che il primo tempo - quel gol di CR7 favorito dalla molle difesa rossoblù - abbia lasciato credere alla capolista che fosse tutto facile. E invece il Genoa, stavolta non con Piatek, ha regalato il primo punto a Juric, richiamato da Preziosi in panchina, e tolto il sorriso ad Allegri, duro con i suoi dopo il pareggio che anticipa la trasferta a Manchester per la sfida contro lo United: chiede che si torni subito con i piedi per terra perché teme l'impatto con Mourinho, furioso dopo il pareggio con il Chelsea di Sarri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA



MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia
Video

MotoGp, Dovizioso vince sotto l'acqua a Valencia

  • I Dorados di Maradona ai playoff, la festa negli spogliatoi

    I Dorados di Maradona ai playoff, la festa...

  • Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia: «Siamo sulla strada giusta»

    Italia-Portogallo, Jorginho in fiducia:...

  • MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

    MacauGP, l'incidente di Sophia Floersch

  • Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho incontrato troppo tardi»

    Napoli, Insigne: «Ancelotti? L'ho...

  • Insigne: «Col Portogallo non è impossibile, la nazionale deve fare risultato»

    Insigne: «Col Portogallo non è...

  • «Momento difficile», la moglie Corinna rompe il silenzio e svela dettagli sulla salute di Schumacher

    «Momento difficile», la moglie...

  • Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo spunta un dettaglio intimo anche su CR7

    Scandalo Chiellini, nel selfie con Ronaldo...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT