ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Università, Ancelotti in cattedra:
«Cori? Sospendere e riprendere»

Università, Ancelotti in cattedra:
«Cori? Sospendere e riprendere»

Una giornata in cattedra. Carlo Ancelotti ha vestito i panni del professore presso l’Università Vanvitelli di Napoli. Una lezione sulla gestione del gruppo e sull’evoluzione delle tecniche di allenamento.
 


«Il gruppo di lavoro è cambiato. Nel ‘95 in serie B con la Reggiana, alla mia prima esperienza, lo staff era molto più ridotto. Da 22 siamo passati a una cinquantina. Il calcio è abbastanza semplice ma la cosa più complicata è la gestione del gruppo con il quale lavori ogni giorno. È un lavoro di squadra ma ci sono sempre tanti egoismi, perché ognuno è abituato a pensare per sé. Nella gestione di un gruppo è importante l’altruismo. E le relazioni tra le persone deve essere di pari livello. Quando parlo con un giocatore voglio essere al suo stesso piano. Bisogna saper ascoltare, tanti giocatori mi hanno dato consigli importanti. Io posso trasmettere quello che ho nella testa, ma poi sono i giocatori ad andare in campo. Sono convito che più la trasmissione è diretta e più i giocatori saranno conviti. Non c’è un sistema di gioco che vince ma un gruppo di giocatori che vince. Un modo per avere una relazione efficace è la credibilità. Tutti mi chiedono di usare la frusta, ma non è nel mio carattere avere un atteggiamento autoritario. Se uso la frusta non sono credibile agli occhi dei miei giocatori. Non ho avuto gente nella mia esperienza che mi ha frustato. Ho sempre detto ai mie giocatori che non voglio esecutori di ordini. Gli esecutori di ordini sono soldati. E i soldatini non giocano a calcio, fanno la guerra».
 
 

Poi Ancelotti risponde al capo della polizia Gabrielli: «Non abbiamo mai chiesto una sospensione della partita. O non mi faccio capire... abbiamo solo chiesto che quando c’è un insulto territoriale o razziale contro chiunque, che la partita sia sospesa temporaneamente. Annuncio è poi la partita ricomincia. Non ci vuole Einstein. Come quando piove. Nel 2000 Abbiamo aspettato 2 ore».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Stramaccioni come Trapattoni e Malesani: il suo sfogo in Iran è virale
Video

Stramaccioni come Trapattoni e Malesani: il suo sfogo in Iran è virale

  • Dazn su Sky, c'è l'accordo: il nuovo canale si vedrà nella numerazione dal 200 in poi

    Dazn su Sky, c'è l'accordo:...

  • Verso Fiorentina-Napoli, i temi della partita con Bruno Majorano e Roberto Ventre

    Verso Fiorentina-Napoli, i temi della...

  • Torna il campionato, il pronostico dei tifosi del Napoli

    Torna il campionato, il pronostico dei...

  • Fiorentina-Napoli, la vigilia dell'inviato Roberto Ventre

    Fiorentina-Napoli, la vigilia...

  • Juventus, Sarri non ci sarà né con il Parma né con il Napoli

    Juventus, Sarri non ci sarà né...

  • Neymar, il Psg rifiuta l'offerta del Barcellona

    Neymar, il Psg rifiuta l'offerta del...

  • Napoli, l'arrivo di Lozano a Villa Stuart per le visite mediche

    Napoli, l'arrivo di Lozano a Villa...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
picchiorosso
2019-01-15 20:01:05
Ha più buon senso e pragmatismo Ancelotti che l'intera struttura manageriale del governo centrale e dello sport. Ecco la prova del come e del perchè in Italia si affermano gli incapaci.
Potito1
2019-01-15 16:43:38
Signor Ancelotti, dovrebbe fare più attenzione quando parla di soldati, questi non sono affatto soldatini che eseguono pedissequamente gli ordini ma lo fanno con estrema intelligenza, coraggio e spirito di coro; una unità Militare lavora all’unisono con scopi ben più nobili del suo settore perché la loro consapevole intesa vale la vita di tutti Potito Genova
archipic
2019-01-15 14:28:32
il problema è che i soldi in gioco sono tanti e nessuno vuole rinunciare alla propria fetta.... evidentemente i morti non sono stati abbastanza. Visto che il "sistema" non ha intenzione di fare nulla, io spero che sia la Uefa a fermarci.... fino a che l'Italia non risolve il problema razzismo negli stadi, le squadre italiane fuori dalle competizioni europee... vuoi vedere che si muovono a fare qualcosa di concreto?
nicolai28
2019-01-15 13:18:49
'E' un lavoro di squadra ma ci sono tanti egoismi,' punto centrale della analisi di Ancellotti. L' egoismo, l' ambizione, voler essere il primo sono appunto la base dell' energia che produce un gruppo. La capacita' di un leader e' giustamente quella di non mortificare l' individualismo ma utilizzarlo nella produzione di energia del gruppo. Siamo in buone mani.
raul bravo
2019-01-15 12:59:19
tutte chiacchiere di gente che non si vuole prendere le proprie responsabilità: o le società di calcio sono in grado di identificare e cacciare chi commette reati (l'incitamento all'odio razziale, nonostante salvini, resta un reato in Italia) o le società giocano a porte chiuse o, come avvenne dopo hysel per le squadre inglesi, non giocano proprio atteso che non possiamo stare ogni domenica a sentire il raglio di questi falliti!! si facessero un anno a casa poi vediamo se cantano ancora!! sospendere o interrompere non serve a risolvere nulla, si deve lasciare a casa questa gentarella!!!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT