ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, la via ritrovata del gol:
da Zurigo si apre un nuovo ciclo

Napoli, la via ritrovata del gol:
da Zurigo si apre un nuovo ciclo

Avversario debole come nelle previsioni, però i tre gol a Zurigo hanno sbloccato il Napoli, che a Firenze ne aveva falliti almeno il triplo. L'Europa League, la seconda competizione in cui gli azzurri sono in corsa e quella in cui vi sono maggiori chance di successo dopo l'allungo della Juve in campionato, è cominciata nel modo giusto. Con un'ampia vittoria a Zurigo, senza patemi, restituendo il sorriso ad attaccanti che lo avevano smarrito come Insigne e Callejon, che ha dedicato il gol ad Albiol, costretto a fermarsi per problemi fisici. Khedira avrà dato qualche consiglio all'amico Magnin, allenatore degli svizzeri, però non aveva previsto un comico tocco del portiere Brecher che s'è fatto sfilare il pallone da Milik, pronto a girarlo ad Insigne per la prima rete dopo 12'. Questo ragazzone di quasi due metri si sarebbe rifatto nel secondo tempo, respingendo le bordate degli attaccanti azzurri ma dovendosi arrendere davanti al numero di Zielinski: tre tocchi in un paio di metri dell'area dello Zurigo, un numero bellissimo che ha chiuso una partita giocata in scioltezza e ha contribuito al rilancio del giovane polacco che sarà sempre più protagonista, godendo di maggiore spazio.

La scelta della prima linea è stata obbligata per Ancelotti a causa di un lieve infortunio di Mertens, che sabato scorso al Franchi era stato quello che aveva commesso i più rilevanti errori sotto porta. Fin troppo facile giocare contro lo Zurigo, con un possesso palla nel primo tempo pari al 69 per cento e un continuo assedio alla difesa. Qualche sfasatura di Maksimovic e di Fabian, però niente di dannoso ai fini del risultato. Lo spagnolo viene provato da regista, il passo non è quello di Hamsik e avrebbe bisogno di giocare negli spazi: da rivedere quando salirà nuovamente il livello perché lo Zurigo è stato morbido avversario per il Napoli, che aveva bisogno di rasserenarsi dopo il pari a Firenze e questo primo tour europeo con tre gol è stato utile anche per ridare fiato e corsa a Ghoulam, che nelle prossime settimane giocherà da titolare fisso perché anche Mario Rui è finito ai box.
 

 

Lo Zurigo ha provato ad alzare il ritmo nel secondo tempo, preso all'inizio sotto gamba dal Napoli: morbidi negli interventi gli uomini di Ancelotti, laddove sarebbe stato opportuno mantenere la stessa intensità. Il suo collega Magnin ha inserito Marchesano che ha vivacizzato l'azione, a centrocampo è improvvisamente calato Allan (sostituito da Diawara) e i difensori sono stati chiamati in causa. Non è cambiato il corso della partita, lo Zurigo ha segnato con Kololli grazie al rigore per il tocco col braccio di Maksimovic, un po' troppo generoso, e ha colpito il palo nel finale. Il Napoli si è garantito il passaggio agli ottavi perché quello al San Paolo tra sei giorni sarà un impegno formale. Domenica intanto tornerà Mazzarri, il primo allenatore che portò gli azzurri in Champions, e per la partita di Torino il club si aspetta di vedere gli spalti di Fuorigrotta più affollati rispetto alla partita con la Samp, quando si raccolse la lamentela di De Laurentiis per le numerose assenze.

In Svizzera è andata come nelle previsioni in campo, fuori meno perché l'accoglienza per tifosi e giocatori azzurri non è stata amichevole: scontri in centro, lancio di oggetti verso Ghoulam quando andava a calciare gli angoli. Proprio nella civilissima Zurigo, dove ha sede la massima istituzione calcistica mondiale (la Fifa) e dove, prima della partita, sono state poste da De Laurentiis le basi per il futuro. Si è concluso il ciclo di Hamsik, firme del contratto con il Dalian e tweet per confermare il trasferimento fortemente voluto da Marek a fronte di un'offerta economica altissima e - aspetto ovviamente secondario rispetto ai milioni garantiti dai cinesi - di una leadership che aveva perso di potenza in questi ultimi anni, prima con le sostituzioni e poi con il cambio di ruolo. Separarsi così, a metà stagione, è stato traumatico ma bisogna abituarsi considerando i ritmi frenetici del sistema e le cifre che circolano. Il presidente guarda già avanti e annuncia di essere pronto ad effettuare 2-3 importanti operazioni sul mercato estivo seguendo le indicazioni di Ancelotti, che in questo progetto crede anche se la Juve è ancora lontana e non vi sono quei fuoriclasse che ha allenato nella sua luminosa carriera. Talento e gioventù i segni particolari dei giocatori che il Napoli sta cercando per completare l'organico, nel contempo lavorando affinché questa stagione si concluda con un successo e non sia un insignificante capitolo della grande storia azzurra. De Laurentiis tiene all'Europa League anche se ha chiarito che non ci saranno premi per i calciatori perché in questo gruppo c'è a chi costa al club 12 milioni lordi a stagione (riferimento a capitan Insigne, che dopo il rinnovo di due anni fa è diventato l'azzurro più pagato). Ma quanti ne abbiamo visti giocare soltanto per la gloria?


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Insigne scatenato canta “La Mano de Dios” mentre fa nuovo tatuaggio
Video

Insigne scatenato canta “La Mano de Dios” mentre fa nuovo tatuaggio

  • Napoli-Inter, i tifosi ringraziano la squadra ma sperano nel futuro

    Napoli-Inter, i tifosi ringraziano la...

  • Napoli-Inter 4-1, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Inter 4-1, il commento di Roberto...

  • Napoli-Inter, l'attesa dei tifosi: «Salutiamoci con una vittoria»

    Napoli-Inter, l'attesa dei tifosi:...

  • De Laurentis e l'operazione De Rossi: «È un giallo, che la Roma sia stata venduta?»

    De Laurentis e l'operazione De Rossi:...

  • Serie A, De Laurentis apre a De Rossi: «Lo prenderei anche subito al Napoli»

    Serie A, De Laurentis apre a De Rossi:...

  • Juventus, Agnelli abbraccia Allegri e gli regala una maglia speciale

    Juventus, Agnelli abbraccia Allegri e gli...

  • Juventus, Agnelli: «Allegri ha scritto da solo la storia della Juve»

    Juventus, Agnelli: «Allegri ha scritto...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
rebaldo
2019-02-16 00:14:09
Inizio di un nuovo ciclo? Con giovani di belle speranze? Mah! Se credete alle favole, credete anche a Dela e al Mattino....
felipe
2019-02-15 19:10:02
Il Napoli non è il Real Madrid e neppure l'Aiax visti l'altra sera in Tv, ma non è neppure quello visto contro il Zurigo, squadra a livello del Parma o del Sassuolo. Un Napoli in forma come lo era nei primi mesi del Campionato ieri gli avrebbe rifilato una dozzina di gol. Purtroppo, al momento vi sono diversi giocatori ancora alla ricerca della migliore condizione (Insigne l'ha dichiarato spontaneamente nel dopo partita), ed alcuni sono infortunati o appena rientrati dagli infortuni. Dobbiamo quindi solo attendere fiduciosi. D'altronde, dopo il girone d'andata un periodo di basso rendimento è fisiologico, rientra nella normalità e capita a tutti. Diverso è il discorso per Mertens, un giocatore che quest'anno non si è mai ritrovato e che andrebbe assolutamente recuperato alla causa.
gigioppi
2019-02-15 18:36:36
Mai contenti, quando vince il Napoli è sempre per demerito dell'avversario! L'Inter contro un Rapid Vienna modesto come lo Zurigo vince 1-0 di rigore mentre il Napoli con giocatori contati ne fa 3 ed era ovvio che dopo il 2-0 si limitassero a controllare che bisogno c'era di alzare i ritmi considerando il poco tempo a disposizione per recuperare in vista della partita di domenica anche in considerazione dell'infermeria. Per me gestione oculata delle energie e degli uomini a disposizione.
peppos
2019-02-15 13:04:05
Vittoria dovuta contro un avversario modesto, ma meritevole di un punteggio più altisonante e senza il solito stress di ansia per i minuti finali in cui l'accorciamento della differenza reti avrebbe minacciato la tranquilla qualificazione a Napoli. Ma tant'è diventa spesso usuale verso fine partita rallentare la concentrazione, specie contro i più scarsi e concedere regalini impietosi.Segnale importante per le prossime avversare non di poco conto.In quanto al nuovo ciclo, se ne parlerà il prossimo anno, se Ancelotti vorrà veramente vincere qualcosa con un mercato più convincente, pur nei limiti ragionevoli della volontà del Presidente.
napoletanomedio
2019-02-15 12:41:45
abbiamo vinto perche siamo i piu forti e se non era per la juve vinciamo pure lo scudetto forza napoli sempre

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT