ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Cerimonia finale delle Universiadi,
Conte: «Una bella prova per Napoli»

Cerimonia finale delle Universiadi,
Conte: «Bella prova per Napoli»

«Le Universiadi sono state una grande prova di Napoli e della Campania». Così il premier Giuseppe Conte parlando con i cronisti delle Universiadi poco prima di fare il suo ingresso allo stadio San Paolo di Napoli dove è appena iniziata la cerimonia di chiusura. «È stata una bella prova - ha sottolineato il premier - degli atleti italiani innanzitutto con 44 medaglie, e abbiamo raggiunto un record, e questo è da sottolineare come prima notizia. Poi - ha aggiunto - è stata una bella festa di sport, una bella prova di Napoli e quindi un ringraziamento va a tutti gli organizzatori, agli enti locali, e a tutti i cittadini napoletani».

«È stata una grande prova - ha ribadito il premier - della Campania e dell'Italia. Un grande evento sportivo di cui come presidente del Consiglio sono orgoglioso e fiero. Oggi sono qui- ha concluso - perché dovevo mantenere la promessa che sarei venuto».

«Quanto successo qui è un messaggio per i giovani - ha aggiunto il premier - perché le Universiadi sono una bella testimonianza di agonismo ma anche di amore per lo sport, per i valori del rispetto reciproco, della inclusione, dello scambio di esperienze anche. È una bella prova per tutti i giovani e per l'Italia».

Sui maxischermo dello Stadio San Paolo, a Napoli, scorrono le immagini del record del mondo di Pietro Mennea, nel 1979. Un tributo accolto dai presenti allo stadio per la cerimonia di chiusura della 30esima edizione delle Universiadi Napoli 2019. «Pietro è il connubio perfetto tra studio e sport, ha dimostrato che sport e studio vanno d'accordo e fanno vincere nella vita - ha detto la moglie Manuela - Quando ha conseguito il record nel 1979 era ancora uno studente di Scienze Politiche, ma quello è stato solo l'inizio. Mennea si prefiggeva un obiettivo, lavorava e lo raggiungeva».
 

 

La lettura di 3 articoli della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo sulla libertà, la dignità, il diritto alla vita e all'istruzione da parte di un bambino ha dato il via alla cerimonia di chiusura delle Universiadi di Napoli 2019. Circa 40mila gli spettatori allo stadio San Paolo per seguire la cerimonia che chiude i 10 giorni di giochi universitari.

La cerimonia, come quella di apertura affidata alla Balich Worldwide Shows, si svolge all'ombra del braciere olimpico, un grande Vesuvio che occupa parte della Curva B. A introdurre la cerimonia e l'ingresso delle bandiere sono i Jackal. In tribuna Vip siede il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, insieme al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e al sindaco di Napoli Luigi de Magistris, al prefetto di Napoli Carmela Pagano e al commissario delle Universiadi Gianluca Basile. Con loro Oleg Matytsin, presidente della Fisu, Federazione internazionale sport universitari.
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Neymar, il Psg rifiuta l'offerta del Barcellona
Video

Neymar, il Psg rifiuta l'offerta del Barcellona

  • Napoli, l'arrivo di Lozano a Villa Stuart per le visite mediche

    Napoli, l'arrivo di Lozano a Villa...

  • Juventus, Dybala e 100 milioni per Neymar

    Juventus, Dybala e 100 milioni per Neymar

  • Sarri preoccupa, ha la polmonite: in dubbio la sua presenza in panchina sabato a Parma

    Sarri preoccupa, ha la polmonite: in dubbio...

  • Balotelli si prende il Brescia: «Non ho paura di fallire»

    Balotelli si prende il Brescia: «Non...

  • Napoli Basket riparte dalla A2: «Riportiamo il club dove merita»

    Napoli Basket riparte dalla A2:...

  • Cristiano Ronaldo e lo spot per un'azienda asiatica: «Mai vista una roba così brutta»

    Cristiano Ronaldo e lo spot per...

  • Brescia, è fatta per Mario Balotelli

    Brescia, è fatta per Mario Balotelli

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
Amus
2019-07-14 23:36:32
E da domani continueremo ad aspettare l’R2 che non passa mai.
aurobindo
2019-07-14 22:06:08
Un altra figuraccia per la RAI...un avvenimento così importante negato alla diretta...bravi, siete sempre più a misura di spot da dentifrici e da formaggini e da telefilm di bassa lega,fritti e rifritti...

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT