ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Sarri: «Nessun contatto con la Juve
Ma a fine anno parlerò col Chelsea»

Sarri: «Nessun contatto con la Juve
Ma a fine anno parlerò col Chelsea»

«Il mio futuro è la partita di mercoledì, devo pensare solo alla finale ora». Il solito Maurizio Sarri, che in conferenza pre-finale di Europa League non ha alcuna intenzione di pensare più in là del match contro l'Arsenal. «Ho ancora due anni di contratto qui, non ho avuto alcun contatto con club italiani, ma devo parlare con il mio club per sapere se sono felici di me o meno», ha detto il toscano interrogato sulla possibilità di un futuro in panchina alla Juventus o alla Roma. «Mi piace la Premier, è il più importante campionato al mondo e sono felice di lavorare qui».

«Il Chelsea è una delle squadre più importanti, ma a fine anno parleremo col club. È normale, succede in ogni squadra e alla fine di ogni stagione», ha continuato l'ex azzurro. «Per me non c’è alcun punto interrogativo, ho un contratto ancora lungo. Io più felice in Italia per il mio tipo di calcio? Qui il Manchester City ha vinto tutto negli ultimi anni, non credo che sia proprio lo stesso gioco ma è comunque simile. Quindi il mio calcio qui si può giocare. Non dobbiamo pensare alla prossima stagione, non sarei capace di farlo e abbiamo tutto il mese di giugno per pensarci, ora concentriamoci solo sulla finale di Baku, è importante per tutti noi. Il mio futuro dipende dalla finale? Se fosse così andrei via subito, non si può ridurre il lavoro di dieci mesi a soli 90 minuti. Non conosco il parere dei tifosi o dei media, ma non saprei cosa dire sul mio futuro ora. Posso solo lavorare per migliorare la mia squadra e vincere».

Sul mercato bloccato in entrata: «Spero Hazard possa restare con noi, ma avremo rispetto per qualsiasi sua decisione. Ho parlato con lui, ma non voglio rivelare quello che ci siamo detti. Utile al Real? È utile per qualsiasi squadra al mondo», ha detto. «Cech è un calciatore dell’Arsenal ora, non posso parlare di un calciatore che non sia del Chelsea. Con Pulisic ho parlato qualche mese fa, ci conosce già bene ed è pronto per aggiungersi al gruppo. È giovane ma già molto forte, sono felice possa arrivare in questa squadra».

Ma con l'Arsenal sarà sfida all'ultima emozione. «Non è stato facile giocare quest’anno, abbiamo perso qualche gara in malo modo ma alla fine la nostra è una stagione positiva. Abbiamo chiuso terzi in campionato, speriamo di poter vincere qualcosa. Non sarà facile giocare con l’Arsenal. Emery è un grande allenatore, hanno due punte pericolose come Aubameyang e Lacazette, sarà una partita aperta a tutto. Vogliamo un trofeo per la squadra, per i tifosi, per lo staff, lo meritiamo. C’è il pericolo di avere un po’ troppa pressione o meno stimoli degli avversari, ma vogliamo vincere la Coppa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Nazionale non vedenti, il gol spettacolare di Gravina contro la Romania
Video

Nazionale non vedenti, il gol spettacolare di Gravina contro la Romania

  • «Forza Napoli», l'urlo di Berlusconi dall'Europarlamento

    «Forza Napoli», l'urlo di...

  • Napoli-Liverpool 2-0, l'esultanza dei tifosi napoletani

    Napoli-Liverpool 2-0, l'esultanza dei...

  • Napoli-Liverpool 2-0: il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Liverpool 2-0: il commento di Roberto...

  • Napoli-Liverpool, l'ottimismo dei tifosi azzurri

    Napoli-Liverpool, l'ottimismo dei tifosi...

  • Napoli-Liverpool, la vigilia di Roberto Ventre

    Napoli-Liverpool, la vigilia di Roberto...

  • «Per fermare Lukaku servono dieci banane» Opinionista cacciato in diretta tv

    «Per fermare Lukaku servono dieci...

  • MotoGP, Marquez trionfa a Misano Adriatico

    MotoGP, Marquez trionfa a Misano Adriatico

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
Manuel-1
2019-05-22 20:11:21
Hasta la Victoria siempre comandante. Napoli non dimentica. Grazie per lo spettacolo unico che ci hai regalato e per aver sempre difeso la città. Non riuscirete a metterci contro SarriBRos con questa improbabile ipotesi Juve .
boboperfetto
2019-05-22 16:53:51
In questo mondo di ladri, ipocriti e assassini è impossibile e sconveniente mostrarsi leale, sincero e onesto. Ormai, ovunque trionfa il "political correct", vale a dire l'ipocrisia come modus vivendi e modus operandi E vissero tutti felici e contenti.
Gaetano Natale
2019-05-22 16:31:16
Ce ne fossero in giro una decina di Sarri ed il mondo del pallone ne guadagnerebbe sicuramente. In questo mondo ipocrita e fasullo, quando una persona dice schiettamente quello che pensa, viene tacciato e giudicato non veritiero o altro.
felipe
2019-05-22 15:38:19
E' solo un caso che il signor Sarri sia ancora una volta al centro di un intrigo? E' o non è un soggetto che, quando apre bocca, crea problemi e semina zizzania?

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT