ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Allan, la stagione non è finita:
«Giochiamoci campionato ed EL»

Allan, la stagione non è finita:
«Giochiamoci campionato ed EL»

«È stato un calendario divertente per tutti noi. Mia mamma me ne raccontava tante di favole, in Brasile sono un po’ diverse. Cerco di trasmetterle ai miei figli, ma la favola più bella è la vita reale». Così Allan presenta alla stampa il nuovo calendario targato SSC Napoli. La testa del brasiliano e del gruppo, però, va ancora alla gara di Champions contro il Liverpool. «È stato difficile accettare l’eliminazione. Non era un gruppo facile, abbiamo dato tutto quello che avevamo, ma siamo dispiaciuti anche se siamo usciti a testa alta», ha continuato l’azzurro. 

«Quella di Anfield è una gara difficile da spiegare, non siamo riusciti a fare quello che avevamo fatto fin lì. Siamo usciti a testa alta, consapevoli di aver dato tutto, ma è stata la nostra peggior partita del gruppo. La nostra stagione non è finita, però: domenica abbiamo la chance di dimenticare subito la serata di Liverpool, poi ci sono ancora Europa League e Coppa Italia da giocare». L’Europa, infatti, per la squadra di Ancelotti riprenderà a febbraio. «L’EL è una competizione importante con tante squadre forti. Sicuramente vogliamo giocarla fino in fondo perché è nelle nostre possibilità», ha ammesso Allan. «Ancelotti è una persona magnifica, ha vinto ovunque e dobbiamo seguirlo. Ci trasmette serenità e sicurezza, se faremo quello che ci chiede possiamo arrivare lontano».

Il Napoli è la sua favola, una favola che può ancora scrivere pagine importanti. «Arrivare qui per me è stato grandioso. Potersi giocare la Champions e il campionato ad alti livelli, giocare per questa gente, tutto mi rende orgoglioso. Il sogno ora è poter vincere qualcosa per regalare una gioia alla gente che ci segue e che merita tanto», ha continuato. «Anche la nazionale è stato un sogno, sono arrivato ad un punto altissimo della mia carriera ma sarà un punto di partenza. Spero di poter migliorare ancora». Ieri sera, a cena, il gruppo azzurro ha ritrovato il sorriso. «Non abbiamo bisogno di una cena per darci degli obiettivi, quelli nascono nello spogliatoio. Ora abbiamo qualche partita prima della sosta di Natale, cerchiamo di stare attaccati alla Juventus che ha stravinto negli ultimi anni. Vogliamo onorare al meglio questa maglia».


© RIPRODUZIONE RISERVATA






Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»
Video

Nazionale, Barella: «Bello e facile giocare con Jorginho e Verratti»

  • Futsal, il super derby Napoli-Eboli

    Futsal, il super derby Napoli-Eboli

  • Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

    Italdonne, storico secondo posto nel Sei...

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

  • Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il chanbara

    Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT