ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Cali e infortuni, ecco il perché
​della flessione del Napoli

Cali e infortuni, ecco il perché
della flessione del Napoli

«Mio figlio di 12 anni fa allenamenti migliori dei nostri», questo il primo attacco ricevuto da Carlo Ancelotti quando allenava il Bayer Monaco. Parole di Arjen Robben durante la gestione dell'allenatore italiano in Germania. Non esattamente uno spot da copertina, ma che evidentemente andava a minare le idee di Ancelotti, allenatore che ha migliorato e arricchito le proprie conoscenze in materia, proprio grazie alle tante esperienze in giro per l'Europa.

IL CALO
In Inghilterra, ad esempio, le squadre fanno anche due giorni di riposo a settimana e gli allenamenti possono durare anche poco più di un'ora. Questo cosa vuol dire? Che la cosa principale è la qualità dell'allenamento, pur senza dimenticare che ogni sessione è fondamentale. Quindi va bene allenarsi meno, ma l'importante è farlo bene. Questa è anche la teoria del preparatore atletico del Napoli Francesco Mauri (figlio d'arte, suo padre Giovanni è stato per anni nello staff di Ancelotti prima di lasciare al figlio il testimone) che ha più volte ribadito di essere un sostenitore della teoria di Cristiano Ronaldo «Troppa acqua uccide le piante». Ma intanto il calo della condizione atletica del Napoli negli ultimi mesi (diciamo da gennaio ad oggi) è sotto gli occhi di tutti. Una cosa è certa: Ancelotti ha un'idea di allenamento moderno. Ovvero ha oramai abbandonato i vecchi retaggi legati ai «gradoni» di Zeman o alle ripetute nei boschi. Le sue sono teorie moderne, basate costantemente sul'utilizzo del pallone. Ma attenzione, quando si eccede con il lavoro tecnico-tattico, il rischio è di abbassare troppo l'intensità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Juventus, Dybala e 100 milioni per Neymar
Video

Juventus, Dybala e 100 milioni per Neymar

  • Sarri preoccupa, ha la polmonite: in dubbio la sua presenza in panchina sabato a Parma

    Sarri preoccupa, ha la polmonite: in dubbio...

  • Balotelli si prende il Brescia: «Non ho paura di fallire»

    Balotelli si prende il Brescia: «Non...

  • Napoli Basket riparte dalla A2: «Riportiamo il club dove merita»

    Napoli Basket riparte dalla A2:...

  • Cristiano Ronaldo e lo spot per un'azienda asiatica: «Mai vista una roba così brutta»

    Cristiano Ronaldo e lo spot per...

  • Brescia, è fatta per Mario Balotelli

    Brescia, è fatta per Mario Balotelli

  • Ciclismo in lutto, è morto a 76 anni Felice Gimondi

    Ciclismo in lutto, è morto a 76 anni...

  • Cincinnati, Federer ko negli ottavi. Djokovic avanza

    Cincinnati, Federer ko negli ottavi....

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
cinos
2019-04-24 20:03:36
Infortunii muscolari a ripetizione , calo psicofisico , turnover selvaggio , assenza di schemi di gioco : siamo al punto di partenza del dopo-Benitez !
felipe
2019-04-24 14:16:48
Insomma, gira e rigira tutto dipende dalla qualità tecnica e, soprattutto, intellettiva del singolo giocatore e non mai dalle regole imposte. Ronaldo, ad esempio, sa gestire da solo il proprio fisico e sa perfettamente cosa può dare o non dare in una partita. Se, ad esempio, un giocatore parte in quarta ad inizio partita, e su terreno reso pesante dalla pioggia, deve essere consapevole che nel secondo tempo rischia di non reggersi in piedi....E deve saperlo anche il suo allenatore. Ma di cosa parliamo, dell'Abc del calcio?
gigginos
2019-04-24 13:32:00
a me più che un calo fisico, mi sembra un calo di braghe!

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT