ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Caso dei fratelli Esposito, i clan ​volevano lanciare gli orologi «Napoli»

Caso dei fratelli Esposito, i clan
volevano lanciare orologi «Napoli»

L'ex azzurro Salvatore Aronica è stato convocato in Procura federale e presto Pepe Reina sarà sentito in Procura, quella ordinaria, dai pm che indagano sui fratelli Esposito e sulle loro amicizie. Nulla a carico dei calciatori. Solo verifiche per meglio delineare il quadro di frequentazioni, conoscenze, rapporti di affari. Indagine sportiva che si incrocia con quella penale nella quale Reina sarà sentito dai pm come persona informata sui fatti, a partire dalla festa al Club Partenopeo per il suo addio alla squadra.

Club Partenopeo è la discoteca sequestrata due giorni fa e il suo proprietario, Gabriele Esposito, è tra gli arrestati per intestazione fittizia di beni con l'aggravante della finalità camorristica. È pertanto facile immaginare che tra le domande che i pm Francesco De Falco, Enrica Parascandolo e Ida Teresi porranno allo spagnolo del Napoli ci saranno quelle sui dettagli della festa, organizzazione e modalità di pagamento, o sul pomeriggio di relax in un centro massaggi di Chiaia di cui si ha traccia in una intercettazione e che risulta organizzato da Gabriele Esposito che con i fratelli è sotto inchiesta, amico di camorristi e vip.

In un'informativa della Dia è descritto il mondo di questo imprenditore. Si scopre che a marzo 2013 è volato a Parigi con l'amico di sempre Paolo Cannavaro (ex difensore del Napoli ed estraneo all'inchiesta) per far visita al famoso Ezequiel Lavezzi, loro comune amico. E che a giugno 2013 i fratelli Esposito, sempre con Cannavaro e Aronica, le rispettive famiglie e altri amici, trascorsero una breve vacanza a Ibiza dove incontrarono i calciatori Marco e Fabio Borriello. Non solo viaggi, ma anche business. Nell'informativa si fa riferimento al progetto di Francesco Esposito di produrre e commercializzare orologi con il brand «Napoli Calcio» pensando di coinvolgere anche lo stesso Cannavaro che avrebbe garantito un grande ritorno pubblicitario. E si fa cenno a una serie di affari, solo ideati o anche andati in porto, sempre con partner famosi. Sono gli stessi inquirenti a dedicare un intero capitolo del lavoro investigativo alle frequentazioni degli Esposito con calciatori, vip e imprenditori e a chiarire che «pur scevro da precisi e circostanziati elementi di colpevolezza in ordine a eventuali fattispecie di reato, risulta di enorme importanza nel contesto generale». Perché? «Perché mette in luce le conoscenze degli Esposito che, se da un lato sono risultati strettamente collegati ad appartenenti della camorra, dall'altro sono altrettanto vicini a professionisti, noti imprenditori, personaggi famosi dello sport e dello spettacolo che non solo li hanno accolti nel loro giro esclusivo ma si sono dimostrati addirittura interessati a investire con essi in nuove realtà commerciali».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Juve Stabia in B, che festa al Menti
Video

Juve Stabia in B, che festa al Menti

  • Napoli-Arsenal, lo sfottò della squadra inglese scatena la bufera: il tweet su Gomorra

    Napoli-Arsenal, lo sfottò della...

  • Napoli, la delusione di Koulibaly: «Dovemo avere più rabbia per fare dei gol»

    Napoli, la delusione di Koulibaly:...

  • Napoli-Arsenal, tutta l'amarezza dei tifosi

    Napoli-Arsenal, tutta l'amarezza dei...

  • Napoli-Arsenal 0-1, il commento di Roberto Ventre

    Napoli-Arsenal 0-1, il commento di Roberto...

  • Napoli-Arsenal, la bellissima coreografia del San Paolo

    Napoli-Arsenal, la bellissima coreografia...

  • Napoli-Arsenal, l'arrivo degli azzurri allo stadio

    Napoli-Arsenal, l'arrivo degli azzurri...

  • Conte: «Vado dove c'è un progetto. A giugno la mia nuova squadra»

    Conte: «Vado dove c'è un...

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT