ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

De Laurentiis, dal calcio ai motori:
«Porterò a Napoli la Formula E»

De Laurentiis, dal calcio ai motori:
«Porterò a Napoli la Formula E»

Non solo cinema e calcio nelle corde di Aurelio De Laurentiis: il patron azzurro non nasconde una grande passione per i motori. «Sono sempre stato un grande appassionato di auto: quando sono nato mi hanno messo su una carrozzella a motore», ha infatti rivelato a margine dell’E-Prix di Roma. Arrivato al circuito cittadino a bordo della sua Porsche GT2 RS ordinata da tempo e finalmente ritirata a Salerno, fra i suoi obiettivi c’è quello di portare a Napoli anche la Formula E: «È  una cosa che ho in mente da tempo. Da dieci anni a questa parte suggerisco ai sindaci di Napoli, prima Iervolino e poi De Magistris, di allestire un percorso, magari con vista mare che passi da via Caracciolo. Sono sicuro sarebbe una gran cosa e spesso ho insistito per realizzarla: un modo per lanciare Napoli nel mondo in maniera definitiva. Avrei voluto farlo con la Formula 1, ma se non si può, facciamolo con la Formula E. A dire la verità, avevo proposto un altro circuito a Pompei, oppure anche sulla Costiera Amalfitana: ne abbiamo di vendere di cose belle».
 
In compagnia del presidente del Coni Giovanni Malagò, si sofferma anche sulla rivoluzione che vorrebbe fare nel mondo del calcio: «Bisognerebbe modificare la Legge Melenadri e la Legge 91 del 1981 in modo da rendere il campionato più divertente ed equo». E sul denaro che circola intorno a questo sport il presidente del Napoli ha un’idea chiara: «I calciatori sono passati a cifre folli da quando sono arrivati gli arabi. Bisogna davvero rivedere tutto. Nei prossimi cinque anni devo investire nel nuovo stadio e nel nuovo centro di allenamento: almeno 120-150 milioni di euro da mettere sul tavolo. Non è un problema investire, il dubbio è se Napoli è capace di fatturare tanto da giustificare questi investimenti».

Il suo club intanto è in crescita: anche i supporter azzurri nel mondo sono aumentati notevolmente e l’imprenditore romano ha in testa un network che possa riunire tutti coloro che condividono la fede azzurra. Ora c’è un sogno nel cuore dei tifosi, e anche De Laurentiis ci spera: «Possiamo farcela, vincerà chi perderà meno partite fino alla fine».
E chiarisce anche i programmi per l’estate: «Nessuna tournèe prima del prossimo campionato. Per ora abbiamo fissato un’amichevole con il Liverpool a Dublino il 4 agosto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA



Napoli, la nuova maglia col logo della pantera
Video

Napoli, la nuova maglia col logo della pantera

  • Cristiano Ronaldo, sei pasti al giorno ogni 3-4 ore: ecco la dieta CR7

    Cristiano Ronaldo, sei pasti al giorno ogni...

  • Gli azzurri in piazza per lo spettacolo di Made in Sud

    Gli azzurri in piazza per lo spettacolo di...

  • «Giuve, Giuve...», Cristiano Ronaldo canta sottovoce

    «Giuve, Giuve...», Cristiano...

  • Trionfo Francia, la gioia del console a Napoli Seytre

    Trionfo Francia, la gioia del console a...

  • Peppe Barra incanta Capodimonte

    Peppe Barra incanta Capodimonte

  • Napoli-Gozzano 4-0: il videocommento di Roberto Ventre

    Napoli-Gozzano 4-0: il videocommento di...

  • Roberto Ventre da Dimaro: per il Napoli una zona mista

    Roberto Ventre da Dimaro: per il Napoli una...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
picchiorosso
2018-04-17 10:59:55
La verità che non si dice mai: Il Napoli non vincerà mai lo scudetto come la Juve non vincerà mai la C.L. stante gli attuali fatturati. Chiacchiere, promesse, aspettative lanciate dagli addetti ai lavori e media sono solo becchime per i polli (tifosi), vendere di più per giornali e per TV e radio.Chi ha più soldi vince; fatturato vuol dire : più giocatori, di maggior valore, più potere politico, più merchandising stadi e centri sportivi propri .....per cui tifosi non facciamoci prendere per il c..lo. Sappiate che alla prossima estate, sia la juve che il Napoli non raggiungeranno gli obbiettivi che si prefiggeranno.....capito? p.s. Non solo soldi naturalmente ma anche capacità manageriale (vedi Milan ed Inter) ma sicuramente senza soldi non si cantano messe.
apoteosi
2018-04-16 10:57:13
Porta lo scudetto a Napoli, speculatore immondo non la formula E. Sarebbe bastato rinforzare a gennaio la rosa....
boboperfetto
2018-04-15 23:46:35
Ecco rivelata la vera natura di Del'Avaris, parallela a quella di zio Paperone. Nella sua testa gli frulla, solamente, incassare soldi, trovare tesori e, arricchirsi sempre di più sulle spalle dei deboli e dei poveracci come Paperino. Le parole donare, lealtà, onestà non esistono nel suo vocabolario. Ciononostante Paperone risulta, comunque, simpatico ai suoi lettori, Del'Avaris, di converso, suscita, solamente, antipatia e livore. Perchè?

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT