ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, Sarri a cena con De Laurentiis
ma il sì del tecnico è ancora lontano

Sarri a cena con De Laurentiis
ma il sì del tecnico è ancora lontano

È uno stallo micidiale, gonfio di malumori. Uno stallo da cui entro poco, in ogni caso, Sarri dovrà uscire. Facendo la sua scelta: restare o andare via, accettare, rifiutare o rilanciare l'offerta di De Laurentiis. Ma ieri, a Castel Volturno, il suo umore nero non è affatto di buon auspicio per l'esito della trattativa sulla sua permanenza al Napoli. Resta ancora muto con i suoi fidati collaboratori (dopo il silenzio del giorno prima), scrolla più volte le spalle quando qualcuno prova ad approfondire l'esito del vertice del giorno prima a casa sua. E alla squadra parla esclusivamente della gara con il Crotone, non certo del suo futuro, argomento che potrebbe definire anche le sorti di un bel po' di giocatori della rosa azzurra.

Tormento e tormentone. Il costruttore della più bella macchina di calcio in Italia è turbato. E non poco. Probabile che certe frasi di De Laurentiis, riflettendo a mente fredda, non gli siano andate giù. Ma è ancora più probabile che ieri, il suo agente-amico Pellegrini, in missione nelle zone della Filmauro, alla ricerca di un primo passo significativo verso una intesa economica, non abbia mandato segnali positivi. Ma è chiaro, è una trattativa di rinnovo che muove i primi passi formali e quindi come in ogni affare ognuno gioca la sua (legittima) partita. C'è chi fa la sua offerta, magari c'è chi vuole che sia l'altro a fare la prima mossa; e poi c'è il rilancio; ci sono i bluff e tutto il resto. E nel mezzo richieste di vario tipo.
 


Nulla è completamente compromesso, ma nulla è ancora definito. E il tempo passa. Questo non significa che la fumata bianca non arriverà: significa solo che bisogna ancora lavorare. Molto. Moltissimo. Ma è lo stesso Sarri che evitando, ogni volta che ha potuto negli ultimi tempi, di proiettare ogni parola al futuro, ad ammettere le sue perplessità. Che dall'incontro di mercoledì, in ogni caso necessario per capire le reciproche posizione, non si sono smussate del tutto. Sarri non riesce a superare lo scoglio del timore di non poter far meglio. Ne è ostaggio: non riesce a passarci su. Ed è questo che lo spinge a non dire di sì. De Laurentiis, che lo considera la sua prima scelta, gli ha spiegato che non diventerebbe un tecnico di scarso appeal se arrivasse quarto o quinto la prossima stagione. Quel che conta è la continuità del suo gioco. Ma lui, Sarri, non pensa sia vero: dopo aver sfiorato lo scudetto, non può deludere i tifosi azzurri. Ed è anche sul progetto condiviso che bisogna ancora cercare un punto di contatto: per De Laurentiis la rosa va ruotata il più possibile, con turnover e cambi ogni volta che si può. Ovviamente sull'aspetto della gestione tecnica, l'allenatore di Figline non accetta intromissioni e quindi è un tema, questo, su cui si rischia la rottura. La faccenda, insomma, riserverà ancora ore e giorni di apprensione. Con il lieto fine che non è così scontato. D'altronde, il fatto che i due, ieri sera, a cena con la squadra, si sono fatto fotografare sorridenti e sereni, lascia aperto uno spiraglio. Per qualche minuto, alla fine della serata, hanno anche parlato. Ma davvero pochi istanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





Verso Psg-Napoli: la rifinitura degli azzurri a Parigi
Video

Verso Psg-Napoli: la rifinitura degli azzurri a Parigi

  • Psg-Napoli, il prepartita tecnico di Roberto Ventre

    Psg-Napoli, il prepartita tecnico di Roberto...

  • Psg-Napoli, la presentazione di Pino Taormina

    Psg-Napoli, la presentazione di Pino Taormina

  • Del Piero ospite da Alessandro Cattelan, clip in anteprima

    Del Piero ospite da Alessandro Cattelan,...

  • Pelè, il re del calcio, oggi compie 78 anni

    Pelè, il re del calcio, oggi compie...

  • Milan, Gattuso assolve Donnarumma: «Non è mai colpa di uno solo»

    Milan, Gattuso assolve Donnarumma:...

  • Napoli, Ancelotti: «Non facciamo corse su nessuno, il sogno scudetto lo abbiamo tutti»

    Napoli, Ancelotti: «Non facciamo corse...

  • MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

    MotoGp, Marquez ancora campione del mondo

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT