ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, Sarri pronto all'addio
​ma il San Paolo lo fa vacillare

Napoli, Sarri pronto all'addio
ma il San Paolo lo fa vacillare

Dopo tante settimane trascorse lontano da Napoli, De Laurentiis è tornato al San Paolo. Un motivo c'era. Doveva ringraziare i giocatori e Sarri per questa fantastica annata conclusa al secondo posto nonostante i 91 punti e, innaffiando gli azzurri con la magnum di champagne negli spogliatoi, ha voluto far capire che questa festa è sua, anche sua. Ha fatto sentire la propria voce a Sarri, titubante sulla permanenza a Napoli. Un messaggio forte: «Il tempo è scaduto». Scade domani, probabile giorno del nuovo incontro tra le parti per ragione sul contratto. e questo è l'appuntamento definitivo, sembra di capire. 

Sarri è orientato a lasciare la panchina più gratificante della sua carriera non tanto perché abbia ricevuto offerte irrinunciabili ma perché non sa se vi sarà continuità tecnica: più azzurri potrebbero partire e lui sa che occorre tempo, a prescindere dalle loro qualità, per adeguare nuovi giocatori ai sincronismi dei suoi schemi. È una riflessione seria, che deve essere stata maturata in questi mesi, parallelamente alle vicende di un campionato esaltante che si è concluso con l'amarezza di arrivare a un punteggio record e di vedere il Napoli secondo, proprio come quella bellissima Olanda del 74 e del 78 che è stata un modello. Le parole di Maurizio sono state chiare anche ieri. Ha parlato di un ciclo finito, assicurando dopo gli inchini agli spalti che non allenerebbe un'altra italiana. Ha dei dubbi, però. E in questi dubbi hanno fatto breccia i cori dei 52mila napoletani presenti al San Paolo in rappresentanza della città che è grata al tecnico per il suo straordinario lavoro e perché ne rappresenta bene i colori. Dice che riflette sulla proposta di rinnovo presentata da De Laurentiis. Se lo fa, fa bene. Perché la partenza di due o più giocatori non può rappresentare un limite per la crescita del Napoli e di Sarri, se la società metterà a disposizione le risorse per continuare a tenere su alti livelli la squadra. Altrimenti, meglio evitare matrimoni di interesse o finzioni. Non lo meriterebbero i protagonisti di questa annata che appare irripetibile ma che può diventare ripetibile, con premesse chiare. Tutto si saprà in poche ore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO





L'altra faccia del calcio: ecco il Napoli Femminile
Video

L'altra faccia del calcio: ecco il Napoli Femminile

  • Bobo Vieri da «Song''e Napule» a New York

    Bobo Vieri da «Song''e...

  • Sport e integrazione a Napoli, le interviste

    Sport e integrazione a Napoli, le interviste

  • Dramma nello sport, muore Giada Dell'Acqua a 28 anni

    Dramma nello sport, muore Giada...

  • Ponte Morandi, gli Azzurri ricordano le vittime del 14 agosto

    Ponte Morandi, gli Azzurri ricordano le...

  • «Piatek chi?», i napoletani preferiscono Insigne

    «Piatek chi?», i napoletani...

  • Pallone d'Oro, nessun italiano tra i 30 candidati

    Pallone d'Oro, nessun italiano tra i 30...

  • Il messaggio del Napoli per gli Invictus Game

    Il messaggio del Napoli per gli Invictus Game

Prev
Next

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT