ACCEDI AL Il Mattino.it


oppure usa i dati del tuo account

Napoli, è novembre il mese chiave:
Ancelotti prepara il turnover

Napoli, è novembre il mese chiave:
Ancelotti prepara il turnover

Quello che Ancelotti sottolinea, in questi giorni di apparente relax con i nazionali sparpagliati fino a ieri in giro per l'Europa, è che il suo Napoli ha un punto di forza: ha dimostrato di saper perdere. Dopo la Juventus, il successo con il Liverpool e la vittoria con il Sassuolo hanno provato che qualcosa è cambiato rispetto al passato. In positivo. Non è cosa di poco conto: il Napoli ha dimostrato di avere forze nelle gambe, ma anche nel cervello. Ma ha bisogno di conferme, a cominciare dalla partita con l'Udinese.

I confronti aiutano a capire: lo scorso anno, nella stagione della cavalcata dei 91 punti, il Napoli ha perso solo tre volte in tutto. Non scivoloni isolati, però: dopo la caduta interna con la Juve, il primo dicembre, arrivò la sciagurata trasferta di Rotterdam con il Feyenoord (1-2) e lo 0-0 al San Paolo con la Fiorentina; e dopo il successo della Roma al San Paolo (4-2) gli azzurri conquistarono 5 punti nelle tre gare successive (vittoria con il Genoa e pari con Inter e Sassuolo).

Alla fatal Firenze, poi, seguì il 2-2 con il Torino. Ma tutto ormai era completamente anestetizzato. Ebbene, con Carletto in panchina questo non è accaduto: la delusione per il capitombolo con la Sampdoria si è dissolta nella sabbia perché subito dopo è arrivata la prima sosta. Ma è stato, per Ancelotti, il 3-1 allo Stadium, a opera del nemico peggiore, il segnale del cambiamento. Le certezze non sono state saccheggiate, al contrario la squadra non si è tirata indietro e ha ripreso il cammino, battendo i Reds in Champions e la squadra di De Zerbi a Fuorigrotta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO








Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni
Video

Italdonne, storico secondo posto nel Sei Nazioni

  • Nazionale, Mancini: «Ora le gare contano, cerchiamo risultati importanti»

    Nazionale, Mancini: «Ora le gare...

  • Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con Kessie ci siamo chiariti»

    Milan-Inter, le scuse di Biglia: «Con...

  • Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo all’asilo, se avessi visto mi sarei buttato nella mischia»

    Gattuso: «Kessie-Biglia? Non siamo...

  • Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

    Napoli-Udinese, la voce dei tifosi

  • Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il chanbara

    Universiadi Sandro Cuomo si cimenta con il...

  • Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di Made in Sud

    Salisburgo-Napoli, i commenti dei comici di...

  • Salisburgo-Napoli 3-1, il commento dell'inviato Ventre

    Salisburgo-Napoli 3-1, il commento...

Prev
Next
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
rebaldo
2018-10-17 12:35:38
Il Napoli l'anno scorso, in tutto il campionato, ha perso solo 3 partite, due in casa (Juve e Roma) e una in trasferta a Firenze. Oggi dopo otto partite ha già incassato due sconfitte esterne. Per favore, caro Taormina, non fare confronti affrettati perchè ti esponi a brutte figure. Se vuoi fare confronti tra i due allenatori devi avere pazienza. Poi naturalmente, i conti si fanno alla fine...

CALCIO

FORMULA1

ALTRISPORT